Problemi col fidanzato

Salve a tutti, sono una ragazza di 22 anni e sto col mio ragazzo da più di un anno.
Ho bisogno di un consiglio.
Non riesco a capire se sono io troppo permalosa o il mio ragazzo troppo distratto.
Forse vi sembrerà stupido quello che sto raccontando... Ieri sera l ho invitato a guardare un film in videoconferenza con dei miei amici che non aveva mai conosciuto.
Anche se sentiva un pò imbarazzato ha accettato con piacere l'invito.
Solo che alle 22.30 decide di andare a letto perché la mattina deve alzarsi presto visto che lavora.
Io non gli ho detto nulla ma ci sono rimasta malissimo.
Ho pensato che non ha potuto ritardare di andare a letto neanche mezz'ora per conoscere meglio i miei amici e finire il film.
Mi ha scritto che poi dovevo raccontargli come finiva e stamattina mi ha chiesto di raccontargli la serata.
È stato molto gentile e non penso ha capito che ci sono rimasta male.
Ma io quando ho chiuso con i miei amici sono stata malissimo ho pianto un sacco, perché non mi sento amata quando succedono queste cose.
Alla fine ci vogliono piccole attenzioni per far sentire l'altro importante.
E io per lui faccio sempre tutto.
Starei sveglia fino a notte fonda anche se la mattina mi devo alzare alle 5.
Secondo voi la mia reazione è esagerata?
Cosa dovrei pensare?
Aiutatemi a correggere il mio pensiero se è sbagliato non voglio essere pesante.
Voi cosa aveste fatto?
Io ci sono rimasta male perché mi ero fatta carina per lui... Perché avevo detto ai miei amici che si sarebbe collegato il mio ragazzo e invece uscendo prima senza chiacchierare con loro mi ha fatto fare una brutta figura... E anche perché avrei voluto facesse questo piccolo sacrificio per me... Ma sono sicura che lui a queste cose non ha neanche pensato... Boh aiutatemi
[#1]
Dr.ssa Giacoma Cultrera Psichiatra, Psicoterapeuta 42 1
Non spiega molto bene la circostanza. Intanto: lei cosa fa nella vita? E lui? Che film vedevate? Quanti eravate e gli altri cosa fanno? Siete tutti fidanzati o altro?

Dr. GIACOMA CULTRERA

[#2]
Dr. Silvia Lodovica Pusceddu Psicologo, Psicoterapeuta 3 1
Gentile Utente,
da dove origina il dubbio che la sua richiesta possa essere esagerata? Il non sentirsi amata è un vissuto che si presenta spesso all'interno delle sue relazioni significative?
Perchè lei fa sempre tutto per lui, arrivando perfino a sacrificarsi?
Queste sono alcune delle domande sulle quali dovrebbe riflettere. Uno psicoterapeuta potrebbe certamente aiutarla a fare luce su come si vive le relazioni e trovare risposta alle domande che pone in questo portale.
Quello che avrei fatto io al suo posto non l'aiuterebbe certamente a fare chiarezza; quello che potrebbe aiutarla sarebbe capire se avrebbe voluto gestire diversamente la situazione e se non l'ha fatto, che cosa glielo ha impedito.
P.s
Non c'è niente di stupido in ciò che scrive, questo è ciò che sta vivendo e merita di essere espresso e compreso!
Resto a disposizione, se ritiene.
Cordialmente

Dr. Silvia Lodovica Pusceddu

[#3]
dopo
Utente
Utente
Salve innanzitutto la ringrazio per il suo tempo e sopratutto per la sua gentilezza.. Comunque si ho spesso la sensazione di non sentirmi abbastanza amata dagli altri. A volte questi pensieri sono così forti che sembra mi allontanino dalla realtà.. Ad esempio il mio fidanzato fa tante cose per me... Ma continuo lo stesso a non sentirmi amata... Come se le cose belle che fa non hanno effetto su di me... Spesso anche nei rapporti con gli altri comunque non mi sento apprezzata e voluta bene.. Non so perché.. Per me sacrificarsi per le altre persone significa dimostrare il mio amore... Significa dimostrare che ci tengo tanto se faccio anche cose che trovo difficili... E comunque si avrei voluto affrontare la situazione diversamente con più leggerezza... Sono questi pensieri forti e invadenti che non me lo permettono... Ho cominciato ad andare da una psicologa.. Siamo solo all'inizio.. Vorrei avere dei buoni consigli per vivere meglio la mia relazione...
[#4]
Dr.ssa Giacoma Cultrera Psichiatra, Psicoterapeuta 42 1
SI ricordi che non si tratta di consigli, quelli lì da un’amica. Evidentemente c’ è Un senso di non amabilità che scatta nei rapporti relazionali in genere. Una psicoterapia e una strada in salita ma va affrontata con coraggio essendo consapevole che libererete una parte di se.

Dr. GIACOMA CULTRERA

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa