Relazione con un uomo 37 anni più grande separato in casa con moglie depressa e con figli adulti

Salve sono una ragazza di 26 anni.
Da 3 anni ho una relazione con un uomo di 60 anni.
Lui dimostra la metà dei suoi anni e da subito abbiamo avuto un intesa molto forte.
So che probabilmente il mio attaccamento a lui è dovuto al rapporto conflittuale con mio padre che non mi ha mai dimostrato amore.
Inizialmente c'erano tanti problemi perché lui non riusciva a lasciare la moglie depressa da ormai 30 anni e di cui lui si occupa esclusivamente.
Ha due figlie una di 40 e una di 28 anni che vivono indipendenti anche se nella stessa abitazione.
Dopo 2 anni si sofferenze (per me non esistevano festività di nessun genere perché lui le passava con la famiglia) si è deciso, dopo tante discussioni, a dire di me alla moglie e alle figlie.
Lei non l ha presa bene ma poi ha accettato la situazione.
Oggi le cose vanno molto meglio dato che siamo molto più liberi e quasi conviviamo insieme.
Fatto sta che quando ci sono le festività abbiamo sempre problemi perché lui si sente in dovere di stare con la sua famiglia e in tutto questo io non sono mai partecipe.
Non mi viene neppure chiesto un parere per sapere se anche io voglio organizzare qualcosa.
A me questo fa tanto male tanto che abbiamo discussioni pesanti e questo mi crea problemi nello studio dato che sono all università.
A parte ciò insime stiamo benissimo e andiamo molto d'accordo, andiamo spesso in vacanza e facciamo tutto insieme, lui è molto presente in tutto e si può dire che mi considera come una figlia.
Io però soffro tanto quando ci sono queste occasioni perché anche io vorrei passerle con lui, nkn pretendo che lasci la famiglia ma che si organizzi per fare l uno e l altro invece sembra che mi evita per non avere problemi con le figlie.
Io vorrei davvero superare questo problema perché noi ci amiamo e anche lui sta male quando ci sono le feste perché si sente in colpa per me però sceglie sempre loro.
Come mi devo comportare?
Devo accettare?
O è lui che dovrebbe agire diversamente?
(premetto che di tutte queste cose ne parlo sempre con lui e lui mi vede stare male)
Grazie
[#1]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 492 45
Gentile Utente,

ci credo che sta male per questa situazione, perché il quadro che Lei descrive è ambiguo.
E l'ambiguità viene tra tutte le parti coinvolte.
C'è un uomo "separato" che vive tranquillamente con la moglie e nel frattempo ha un'amante che definirei "part time", nel senso che durante le festività quest'uomo sceglie la famiglia, moglie e figli, e non Lei, anche se ha comunicato alla famiglia che Lei c'è.
E poi c'è Lei, che riconosce che quest'uomo Le vuole bene come se fosse Sua figlia e che non pretende che lasci la famiglia.
Allora vorrei chiederLe, sebbene non ha avuto un rapporto facile con Suo papà, vuole davvero rimanere imprigionata in una relazione del genere, dove non ci sono confini, o almeno l'unica a restarne fuori è Lei, dove Lei non ha un ruolo (non è la figlia, non è la seconda moglie)?

Per Lei ha senso questa situazione?

Gli uomini che hanno questa doppia vita ascoltano sempre con molta pazienza le lamentele delle loro amanti, ma non fanno poi nulla perché hanno già scelto di stare con la loro famiglia.

Ma sa qual è il vero problema di questa storia?
La Sua autostima, perché stare con un uomo sposato che non lascerà mai la moglie (neppure per un solo giorno di festa) vuol dire che Lei non si vuole bene abbastanza e non pretende nulla di buono e di serio per se stessa.

Cordiali saluti,

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2]
dopo
Utente
Utente
Lo so è quello che mi chiedo spesso. Ho provato diverse volte a lasciarlo ma non riesco perché senza di lui sto malissimo. E anche lui sta male senza di me e la finiamo a consolarci a vicenda fino a che torniamo insieme e lui si promette di migliorare. A me viene l ansia mesi prima delle festività perché so già che soffrirò anche perché non ho famiglia, vivo sola con mio padre, mia mamma vive a Londra e i miei 2 fratelli in Australia. Miei fratelli sono andati via di casa a 15 anni e mia mamma manca da quasi 7 anni. Quindi le feste mi ricordano che non ho famiglia e in più il fatto che non ci sia mi fa stare ancora peggio. Lui mi dice che con me festeggia dopo che per un giorno non cambia ma per me cambia tanto. Quest anno una settimana prima di natale ho dato una sfuriata (premetto che sono una persona molto calma) contro di lui, l ho minacciato che se mi lasciava di nuovo da sola avrei chiuso con lui definitivamente, tutto ciò mentre eravamo in vacanza perché secondo lui abbiamo festeggia una settimana prima. Così ha deciso che avrebbe fatto l uno e l altro ossia che avrebbe festeggiato sia con me che con loro e così e stato. Però il fatto è che so che non e un qualcosa che parte da lui e questo mi fa comunque male. Mi ha promesso che farà di tutto per festeggiare con me e con loro ma fatto sta che sta il giorno del suo compleanno ha organizzato una cena con la sua famiglia e non con me e ovviamente abbiamo litigato di nuovo. Sono disperata perché lo amo tantissimo e lui veramente per tutto il resto mi aiuta veramente tanto perché anche lui mi ama. Inoltre volevo aggiungere che lui rientra a casa sua solo a pranzo in quanto ha il lavoro vicino casa e fa così per non viaggiare e spesso va pure in ristorante per non rientrare a casa. Per cui anche io la mattina rientro a casa mia. La sera appena smonta da lavoro andiamo nella nostra casa dove ceniamo e dormiamo insieme tutti i giorni e magari nel weekend andiamo in vacanza
Un altra cosa che mi preoccupa è che sto diventando gelosa delle sue figlie perché lui ha fatto di tutto per sistemarle, loro hanno tutto (casa, lavoro, soldi, tanti amici, ha addirittura comprato una casa per la figlia per permetterle di affittarla) io invece mi vedo sola, senza niente in mano, non ho aiuti nemmeno per i miei studi se non l auito che mi da lui, mi sento sfortunata in confronto a loro.
Non so veramente cosa fare, alla fine penso che è un giorno e poi tutto torna come prima però io sto male veramente in quei giorni. Vorrei davvero superare tutto questo ma non so che fare

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa