Problemi al lavoro, nella relazione e alimentazione

Buongiorno, in queste settimane ho avuto una rottura sentimentale, compagno con il quale tuttora convivo finché non troverò un nuovo alloggio.
Che amavo, ma ha molti comportamenti infantili a difficoltà di riconoscere i suoi errori.
Non si riesce a chiarire e quando io stessa mi scuso, trova in questo un ulteriore scusante per perpetuare i suoi atteggiamenti infantili come ad esempio il trattarmi da persona invisibile.

Ho lasciato le porte aperte molte volte, ma invece che affrontare i problemi ha sempre preferito uscire con altre persone e ignorarmi.


Inoltre dal punto di vista lavorativo, nonostante la professionalità lavorativa, per via del mio carattere molto diretto ed esigente, non sono mai stata simpatica alla responsabile del mio servizio, per cui mi è stato intimato un trasferimento in un’altra sede altrimenti sarei andata incontro ad un provvedimento disciplinare.

Ovviamente non ho accettato il trasferimento con tutte le conseguenze del caso (clima pesante) e quando verrà sarò disposta ad affrontare qualsiasi tipo di provvedimento, ma è una cosa di cui non preoccupo e ho anche molte colleghe che mi sostengono.
Ma tutto ciò mi pesa.
Perché è la cigliegina sulla torta di numerosi sgarri subiti, come l’essere stata ripetutamente esclusa da varie iniziate sul lavoro in ambiti prettamente professionali.


Non sono scesa nei dettagli di tutti gli eventi, perché il fulcro del mio dilemma è e se ha senso vivere così, cercando di annaspare ogni giorno oppure di finirla qui.

Molte volte in questi giorni ho pensato il modo migliore per poter morire.


L’unica cosa che mi ferma e la paura di soffrire, perché per assurdo ha già sofferto troppo.

Inoltre Da tempo avevo raggiunto un buon equilibrio che ora letteralmente si sta sgretolando e sta portando a galla nuovamente questo disturbo alimentare in cui praticamente finisco per non mangiare mai. In tre settimane ho perso 3, 5 kg passando da 50 kg (Che dentro la mia testa erano tantissimi ma è stato un grande obiettivo visto che prima ero 40) al peso di 46, 5 kg E tu oltre a questo si sono instillati dentro di me una serie di pensieri sul farla finita perché non riesco a tollerare più altra sofferenza. Non ho nemmeno voglia di uscire di casa e di incontrare qualcuno con cui parlare di questi problemi. Sento che mi sta lasciando proprio andare un po’ alla volta.
[#1]
Dr. Mario Canovi Psicologo 213 14
Gentilissima,

da quanto scrive, da molto tempo, sta affrontando su più fronti situazioni altamente stressanti che le tolgono energia. Le risorse psichiche non sono illimitate e in questo momento è fondamentale ritrovare l'equilibrio e l'energia necessaria a reindirizzare la sua vita. E' importante non perdere altro tempo e rivolgersi ad un professionista che la possa aiutare in questo. Può parlarne con il suo medico di base per un invio o rivolgersi direttamente ad uno specialista della salute mentale.

Cordialmente.

Dr. Mario Canovi
Psicologo - Ipnologo
Trento - Volano (TN) - Padova - online
mail: info@mariocanovi.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno, quindi lei dice di andare da uno psichiatra? Io non sono mai stata nemmeno se lo psicologo perché ho paura di parlare dei miei problemi
[#3]
Dr. Mario Canovi Psicologo 213 14
Buongiorno,

capisco la sua difficoltà ma a volte è necessario aprirsi con qualcuno che sia esterno, terzo, rispetto ai problemi. Se si ha un influenza si va dal medico: allo stesso modo in caso di necessità di tipo psicologico si va dallo psicologo. Qualora il malessere sia più profondo può essere necessario anche un approccio farmacologico di competenza dello psichiatra. Può rivolgersi ad un professionista che valuti quale sia nello specifico la sua necessità.

Cordialmente.

Dr. Mario Canovi
Psicologo - Ipnologo
Trento - Volano (TN) - Padova - online
mail: info@mariocanovi.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottore, lei ha ragione probabilmente questa sarebbe la strada migliore, ma dentro di me oramai non sento più nessun motivo per lottare.
Ieri sera ho passato gran parte del tempo a pensare a come farla finita.
oggi ho fatto un tentativo col mio medico di base cercando di spiegargli la mia situazione e lui ha optato per una medicina. Arrivati a questo punto Sinceramente non ho più molta fiducia né voglia di lottare
[#5]
Dr. Mario Canovi Psicologo 213 14
Gentilissima,

complimenti: oggi ha fatto un atto d'amore per sé stessa provando a parlare con il suo medico di base. Certamente non è facile ma è stato un primo passo nella giusta direzione. Da parte sua il medico di base le ha prescritto un farmaco ritenendolo necessario. Segua scrupolosamente le indicazioni che il medico, con la sua professionalità, le ha prescritto e faccia un secondo atto d'amore per sé stessa contattando il servizio di psicologia del SSN della sua zona.

Cordialmente.

Dr. Mario Canovi
Psicologo - Ipnologo
Trento - Volano (TN) - Padova - online
mail: info@mariocanovi.it

[#6]
dopo
Utente
Utente
Buonasera,
Oggi ho preso anche appuntamento per giovedi, previa ricetta del medico e del suo utile consiglio al csm di zona.
Ma ho paura che mi possano ricoverare o cose simili e non so.
Dopo che ieri ho fallito nel tentare di tagliarmi perché non avevo i giusti strumenti. Cosa penseranno di me? E se mi rinchiudono per un periodo? Io non sono pronta.
[#7]
Dr. Mario Canovi Psicologo 213 14
Gentilissima,

stia tranquilla e abbia fiducia: troverà persone che fanno dell'aiuto e della cura la loro professione. Non la giudicheranno o "rinchiuderanno" ma si metteranno in ascolto di quanto lei porterà loro per aiutarla a superare questo periodo di difficoltà e ritrovare il benessere.

Cordialmente.

Dr. Mario Canovi
Psicologo - Ipnologo
Trento - Volano (TN) - Padova - online
mail: info@mariocanovi.it

[#8]
dopo
Utente
Utente
Ma non c’è pericolo che mi venga proposto un ricovero? Perché è una cosa che non vorrei mai.
Alimentazione

Mangiare in modo sano e corretto, alimenti, bevande e calorie, vitamine, integratori e valori nutrizionali: tutto quello che c'è da sapere sull'alimentazione.

Leggi tutto