Utente 130XXX
salve sono una donna di 50 anni ,e da alcuni anni hanno scoperto questa connettivite anche se io soffro di dolori da quando avevo 22anni ,anche se non in questo modo ,la dottoressa reumatologa mi ha prescritto plaquenil 200mg.2volte al giorno e anche un po di cortisone flantadin 6mg,che non prendo senpre ma quando non posso stare x i forti dolori.mi ha diagnosticato anche un po di artrosi all anca,e mialgie ,comunque sto un po meglio con il cortisone ma..mi fa ingrassare anche perche o problemi di un nodulo alla tiroide,e poi con l arrivo della menopausa ingrasso a vista do occhio.da un mese faccio una veloce passeggiata ,tutti i giorni ,sono 5km.ci sto un ora.ma io ci sono giorni che sno distrutta dai dolori ,ma forse è troppo ? ma fa bene l attivita fisica? e se non prendo il cortisone cosa posso fare? grazie

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Con la diagnosi di connettivite indifferenziata si rischia talvolta di fornire una collocazione nosologica a disturbi di natura funzionale che richiederebbero un'approccio terapeutico multidisciplinare, farmacologico, riabilitativo ed eventualmente psicoterapico che nulla ha a che fare con l'immunomodulazione. Premessa la natura atipica di un consulto virtuale come questo penso sarebbe meglio ripuntualizzare la diagnosi e la terapia. Per quanto riguarda l'attività fisica questa è sempre raccomandabile se esguita in modo progressivo e regolare. Cordiali saluti.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 130XXX

salve la ringrazio gentilmente della sua risposta,ma se specificasse più chiaramente cosa non va,la ringrazierei.dovrei cambiare reumatologa?non so ma non ho capito bene il suo discorso.se sarebbe gentile da chiarirmi meglio il problema le sarei grata.
cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Quello che volevo dire è che secondo me sarebbe il caso di verificare la diagnosi. Con lo stesso o con un altro specialista reumatologo. Cordialità
Mauro Granata