Utente 232XXX
Gentili dottori, soffro da tempo di dolori in tutto il corpo. Due mesi fa, per un problema uroginecologico mi sono rivolta ad uno specialista (neurologo, ginecologo e urologo) che oltre alla skenite mi ha diagnosticato vulvodinia,vestibolite, neuropatia del pudendo e, dopo una valutazione generale mi ha detto di soffrire di fibromialgia. Mi ha prescritto una terapia con rivotril e laroxil. Ma é di un'altra città e dopo la visita tutto si é esaurito lí. Ho letto che è competenza del reumatologo. Ecco il perché di questo consulto. I miei sintomi sono tali da essere ricorsa negli ultimi sei mesi a tanti medici: dal neurologo, dall'oculista, dal fisiatra, dal dentista, dalproctologo, dal dermatologo, dall'uroginecologo, a fare esami diagnostici di tutti i tipi. tutto negativo (tranne la skenite che nessuno vuole trattare per ladelicatezza della situazione. da due anni i miei sintomi si sono aggravati, dopo il secondo cesareo, ma mai nessuno mi ha parlato di fibromialgia. Non dormo bene, litigo con il letto, mi sveglio distrutta con le mani serrate, i miei muscolisono sempre contratti, i piedi doloranti, cefalea, tensioni costanti al collo, cervicale, difficoltà a camminare per i dolori all'altezza del collo del femore, tremori palpebrali, nevralgie nella zona del trigemino, quadricipiti addormentati, braccia addormentate,trafitture di spilli nelle gambe acufeni, dolori facciali, stanca come un maratoneta, colon irritabile per il quale alternomomenti di stitichezza a noralità a diarrea.Gli unici esami che hanno valori fuori dalla norma sono: ernia c5c6, protrusione lombare l4l5, reumatest 70, ana finemete granulare inferiore ad 1/80, condili mascellari sublussati individuazione di 11 trigger points sul corpo specie nella zone del collo e deela zona schiena gambe. Il reumatest e l' ana sono così stazionari dal 1995, tutti mi hanno parlato di aspecificità in quanto tutto il resto è normale e i test reumatic,i per fissazione mia, lifaccio con una frequenza di massimo 6/10 mesi dal 95. Ves, pcr, emocromo, elettroforesi proteica, sideremia, trasferrina, ferritina, ormoni tiroidei, ormoni della fertilità, c3, c4, elettroliti, bilirubina diretta e indiretta,cpk, waleerrose, tas, albuminemia, colesteroli, e tanto altro ancora tutto negativo. Risonanza magnetica rachide in toto, pelvica con mezzo di contrasto, ecografie varie articolazioni, tiroide, tutto ok. Nel 95 feci quei primi esami per dolori vari e il reumatologo parlò di aspecificità. Eccomi qua, con i miei dolori, la paura e lo sconforto di essere trattata da malata immaginaria come se nessuno credesse ai miei dolori. É questa la fibromialgia? Potreste indirizzarmi? Grazie dell'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Pier Francesco Leucci

24% attività
16% attualità
12% socialità
MAGLIE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Le espressioni che Lei utilizza ed i sintomi clinici lasciano spazio alla possibilità che si tratti in realtà di una Fibromialgia.
Le consiglio di eseguire degli accertamenti più specifici valutando i dati di:
Calcemia, VitD, PTH, TSH ed una ecografia tiroidea.
Mi comunichi questi valori e potrò essere più preciso nella diagnosi. Oppure dopo avger eseguito questi controlli esegua un Consulto da un Reumatologo della sua città
Saluti
PFL
Pier Francesco Leucci
REUMATOLOGO
Coordinatore Responsabile Reumatologia per l'AUSL LE - LECCE -

[#2] dopo  
Utente 232XXX

Gentile dottore Leucci, grazie della risposta. Ogni anno eseguo uno screening generale fra cui la funzionalità tiroidea. L' eco della tiroide e tutto l'insieme degli ormoni tiroidei li ho eseguiti a gennaio. La clinica è ok. Dall'eco si visualizzano due piccolissimi noduli per i quali il radiologo, mi ha detto di ignorarli in consideraione della clinica. Consideri che gli ormoni tiroidei, sebbene nessuno ne soffra in famiglia, li faccio ogni anno dal 2005, quando ho partorito il mio primo figlio per scrupolo di coscenza. La calcemia è di 15 giorni fa ed è ok. Attendo un Suo ulteriore parere, se sia il caso di rivalutare suddetti esami, ed eventualmente se potesse fornirmi un nominativo di un suo collega nella mia città.
Grazie del tempo dedicatomi.

[#3] dopo  
Dr. Pier Francesco Leucci

24% attività
16% attualità
12% socialità
MAGLIE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
I dati ormonali tiroidei, in queste forme, spesso risultano nella norma, invece è opportuno monitorare i "noduli" (peraltro non mi comunica le dimensioni nè la data dell'ultima ecog). La sola calcemia "OK..." è poco indicativa, pertanto le consiglo di eseguire gli altri esami indicati, che codstituiuiscono una base utile per una successiva terapia.
A Palermo ci sono degli ottimi Colleghi Reumatologi, ma non è corretto che io le indichi dei nomi.
Saluti
PFL
Pier Francesco Leucci
REUMATOLOGO
Coordinatore Responsabile Reumatologia per l'AUSL LE - LECCE -