Utente 250XXX
Buongiorno, chiedo un consulto per un dolore continuo intermittente che parte da sopra le clavicole e continua per tutto il petto. Chiedo qui perché ho provato a parlarne con il mio medico di base più di una volta, che però non mi ha preso sul serio e mi ha risposto, la prima volta, di bere più acqua. La seconda volta, mi disse che poteva essere un problema legato all'ansia, e così ho cominciato a farmi seguire da una psicologa. Ovviamente, il dolore non è mai passato.
Oltre a questo, ho poi cominciato a sentirmi sempre stanca, a non aver voglia di alzarmi dal letto la mattina e a non riuscire a rimanere mai concentrata su niente in università, diversamente da prima; successivamente sono arrivata a non riuscire a dormire la notte nonostante il sonno. Nell'ultima settimana, hanno cominciato a farmi molto male alcuni punti Delle gambe, come il ginocchio e l'anca, senza particolari motivi, che non mi permettevano di lavorare come cameriera e mi costringevano a stare continuamente seduta. Oltre a questo ho continuamente le gambe informicolate.
Leggendo in internet, ho letto della fibromialgia, e mi riconosco in tanti sintomi (la maggior parte non li ho scritti qui sopra) e mi chiedevo come essere in grado di riconoscerla e, nel caso, da quale professionista poter andare per cercare di chiarire i miei sintomi, che nell'ultimo periodo mi stanno veramente cambiando la vita.
Anche se non fosse fibromialgia, vorrei capire se c'è qualcosa o se dovrò rimanere così sempre, senza riuscire a migliorare mai nulla.
Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Prima di attribuire ad uno stato ansioso la genesi di un sintomo sarebbe meglio procedere con una attenta visita medica. Solo dopo aver escluso una causa organica è possibile ipotizzare una genesi funzionale. Nel caso specifico sembrerebbe eventualmente trattarsi di una forma miofasciale ma la valutazione specialistica da parte di un collega reumatologo rimane indispensabile. Saluti cordiali.
Mauro Granata