Utente 478XXX
Buongiorno! Sono una ragazza di 18 anni e frequento il 5 anno di liceo. Ultimamente vivo l'ambiente scolastico in modo particolare. Da premettere che scarseggio di salute in quanto mi è stato diagnosticato di avere reumatismi al sangue e ciò mi porta spesso ad ammalarmi e ad assentarmi a scuola, anche per via delle visite e accertamenti. Ultimamente però, non riesco a studiare bene:accuso continua stanchezza, sonno e non riesco a stare in piedi. Inoltre, mi distraggo facilmente dallo studio e non riesco a farlo bene! In poche parole è come fare uno sforzo enorme!
Sono una persona molto precisa e ho sempre promesso bene, e vedere questa situazione mi porta ad avere attacchi di pianto e ansia. Inoltre quest'anno mi si è presentata una strana paura: paura da interrogazione! Non riesco a farle tranquillamente, mi sento insicura, osservata e quasi mi sento male. E ciò mi porta anche a non dormire la notte se vi è una interrogazione il giorno prima. Tutto questo però è scaturito dal fatto alcune ragazze della classe, ad un minimo errore prendono in giro e ciò mi inibisce ancora di più, mentre se vengo interrogata in privato sono più tranquilla.
Cosa mi succede? Questa stanchezza può essere causa dei miei problemi salutari? E queste crisi d'ansia e difficoltà a studiare da da cosa possono esser scaturite se fino a prima andava tutto bene? Cosa devo fare? Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012

Gentile utente,

soprattutto in presenza di una patologia fisica ("mi è stato diagnosticato di avere reumatismi al sangue") rivolgere le domande sulla stanchezza e concentrazione innanzi tutto al medico curante è la cosa giusta.
Infatti occorre escludere che tali disturbi siano conseguenze del problema principale.


E' possibile chi ciò causi una minore sicurezza in Lei,
che si manifesta nelle interrogazioni
e si amplifica a causa della derisione delle compagne.

Considerato il quadro complessivo di disturbi fisici e psichici,
se ne avesse la possibilità
Le suggerirei un percorso con una psicologa psicoterapeuta.

Saluti cordiali.

P.S. Se ritiene, giriamo il Suo consulto nella sezione di medicina, per avere anche il loro punto di vista. Eventualmente ce lo comunichi.

Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia

[#2] dopo  
Utente 478XXX

Sì grazie