Utente 108XXX
Buon giorno, vorrei avere delle restituzioni- se possibile- in merito alla situazione sanitaria che sto attraversando e che non mi rende particolarmente serena. A seguito di malesseri iniziati verso novembre 08(inizialmente focalizzati in zona toracica con irradiazione arto sup sx, sensazione di soffocamento- visita cardiologica negativa-) mi sono sottoposta a serie di analisi che hanno evidenziato:
fattore reumatoide 599 U/mL succ.ripetuto in altro osp esito 656 Ul/mL/VES 4 mm/PCR 0,28 mg/L/reaz.Waaler Rose tit.1/10240/Ant.antinucleo ANA negativo/Ant.anti DNA nativo negativo/Ant.anti peptide ciclico citrullinato ACCP 5 U/ml/esame colturale feci ricerca salmonella,shigella,campylobacter,yersinia negativi/Ant anti rickettsia(reazione weil felis):ab anti proteus OX2,OX19,OXK negativi/
Ant anti ricettsia conori Ig totali negativo/
Ant anti virus epstein barr IgM negativo/ IgG antiVCA positivo/IgG anti EBNA-1 positivo/
Ant anti citomegaovirus IgM negativo/IgG 5,9/
ant anti salmonella(reazione widal)Antiparatifo A-B-C-O-H negativi/ant.anti brucella(reazione wright)titolo anticorpale negativo/virus immun.deficienza acquisita HIV 1-2 negativo/virus epatite B antiHBs-anti HBc negativi/virus epatite CHCV negativo/
RX spalle sx/dx:d'ambo i lati conservata appare l'articolazione gleno-omerale, con una modesta sclerosi della glonoide di sx. Regolare in ampiezza lo spazio sub-acromion-omerale. Non immagini rx opache, riferibili a calcificazioni nel contesto dei tessuti molli in sede peritrochitica/RX col cervicale 2pr: rettilineizzata la fisiologica lordosi del rachide. Non deformità somatiche ne disallineamenti dei muri posteriori. Sostanziale conservata appare l'ampiezza degli spazi intersomatici/RX col dorso lombare: inflessione sx convessa ad ampio raggio del rachide dorsale ed inflessione dx convessa del rachide lombare, con iniziale rotazione dei metameri sul loro asse longitudinale. Ridotta la fisiologica cifosi del rachide dorsale e la fisiologica lordosi del rachide lombale. Non deformità somatiche ne dllineamnti dei muri posteriori. Dismorfismo delle articolzioni inter-apofisarie lombari sul versante sx. Ridotto lo spazio intersomico in sede pre-sacrale, con pinzatura dorsale. non alterazioni osteo-strutturali patologiche dei metameri esaminati, con reg rappr dei peduncoli vertebrali/Rx torace negativo/Visita cardiologica ECG negative/. Sono "esausta" sopratutto perchè l'ipotesi di diagnosi restituita è "fibromialgia". Ipotesi perchè lo specialista non da certezze a riguardo. Fiduciosa in una vs risposta vi porgo distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Scavo

24% attività
0% attualità
16% socialità
ACIREALE (CT)
CATANIA (CT)
NICOLOSI (CT)
BRONTE (CT)
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile sig.ra,
indici reumatici così alti di fattore reumatoide di solito sono suggestivi per Artrite Reumatoide anche se, da soli, non sono sufficienti a porre la diagnosi.
Andrebbe approfondita la ricerca di eventuali altre manifestazioni tipiche di artrite ed eseguire almeno una RX di mani e polsi per verificare l'eventuale presenza delle tipicche erosioni articolari.
Saluti
Dr. Giuseppe Scavo

[#2] dopo  
Utente 108XXX

Buon giorno Dr Scavo, intanto non posso che ringraziarla per la sua disponibilità.
Emotivamente sapere che "Lei c'e" è importante.
Razionalmente,invece, il non sapere cosa mi sta accadendo non mi sta aiutando molto ...(giusto per usare un eufemismo)
Se per approfondimenti intende ulteriori dati rispetto a "manifestazioni fisiche" -sempre che per Lei non sia un disturbo- più che disponibile ad esporle.
Attualmente i dolori sono in prevalenza localizzati sull'arto sup sx irradiandosi alla mano sx (nella zona centrale del palmo sembra compaia una riga rossa e ho formicolii/spilli)ma non c'e simmetria( la mano dx mi da dato fastidio in sole due occsioni)inoltre migrano verso la colonna vert.(in alcuni settori ma non prevalentemente gli stessi)per poi "tornare" all'arto sup della mano sx. Non ho rigidità mattutina, non ho tumefazioni, ne arrossamenti ne tantomeno gonfiori. Alterno momenti in cui ho la sensazione di avere febbre ma di fatto non è così ad altrettanti in cui ho freddo. Data la situazione considerata "particolare" sono stata invitata (dal medico)ad assumere PER UNA SOLA SETT. "deltacortene 25 mg" (per i primi 2 giorni 1cp a pranzo, 1/2 cp sera; per i restanti 5gg 1/2 pranzo 1/2 cp sera, + gastroprotettore "pantecta 20" (1cp al dì.)al fine di verificare evoluzioni a riguardo. Di fatto, i dolori si sono un pò affievoliti ma non in modo definitivo anzi ho avuto notevoli fastidi aggiuntivi ( mal di testa, pressione alle tempie e male al ginocchio sx) Nel frattempo ho sostenuto una sucessiva visita dal un altro reumatologo che restituisce quanto segue "il quadro non è di facile inquadramento. Verosimilmente non è da imputarsi ad una patologia artritica infiammatoria a dispetto della franca positività per FR. l'assenza di un movimento di proteine di fase acuta è un ulteriore elemento contro qs ipotesi. Suggerirei di valutare una possibile patologia da interessamento fasci nervosi a livello cervicale/dorsale/lombosacrale. Utile controllo ecocolordoppler venoso arto sup sx per ectasia giugulare sx e di conseguenza visita neurologica.
Onestamente cosa ne pensa indipendentemente dalle valutazioni precedenti?
Io non sono un medico e lungi da me fare autodiagnosi per cui non posso altro che prendere atto ma mi risulta -sempre che io non abbia compreso male- che se fosse artrite reumatoide se presa "in tempo" può essere "reversibile" e/o comunque limitare i danni in modo significativo.
Prima diagnosi "forse fibromialgia..." Seconda "..non facile inquadramento...etc etc ...possibile patologia neurologica..."

Comprende allora gent. dr Scavo perchè nelle prime righe di qs mia dichiaro senza vergogna di essere "esausta"???
Grazie ancora sia per la prima risposta che per le eventuali.

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Scavo

24% attività
0% attualità
16% socialità
ACIREALE (CT)
CATANIA (CT)
NICOLOSI (CT)
BRONTE (CT)
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gent.ma sig.ra,
comprendo la sua preoccupazione, però riguardo ai disturbi sensitivi credo siano più da ascrivere ad una irritazione radicolare da irrigidimento del rachide cervicale, da verificare eventualmente con una radiografia.
L'alterazione degli indici di flogosi la rivaluterei fra 3 mesi per verificare se c'è una variazione del titolo in ascesa o meno.
Completerei gli esami con una Rx mani e polsi per verificare l'eventuale presenza di microerosioni articolari (o se disponibile, ancora meglio, una risonanza magnetica dedicata).
Non si lasci prendere dallo sconforto, non ne vale la pena
Saluti
Dr. Giuseppe Scavo

[#4] dopo  
Utente 108XXX

Buon giorno Dr. mi scuso per non aver risposto prima ma sono stata ricoverata c/o osp della zona in cui abito per gastrite acuta. Durante la permanenza in osp mi hanno sottoposto ad una serie di analisi che hanno portato alla seguente diagnosi: poliartralgie secondarie a infezione vaginale da UREAPLASMA UREALYTICUM, CERVICOARTROSI, ESOFAGITE DI 1 GRADO. Terapia consigliata: limpidex 1 cp al di; tachidol al bisogno, doxiciclina 2cp al di. secondo i medici dell'osp. i valori reumatici FR e WAALER ROSE sono attribuibili alla positività del tampone cervicale per micoplasma species. Dimessa 2gg fa mi sono rivolta immediatamente al "mio" ginecologo che al "mio" medico curante. Entrambi sorpresi rimandano comunque di fare il tentativo di eradicare l'infezione vaginale tuttavia poco concordi su associazione valori reumatici e tampone. Nella sua ultima risposta Lei mi ha invitata a non farmi prendere dallo sconforto......mica facile!!!!! Le va di darmi ancora il suo contributo con la sua opinione dato che ritengo sia la più indicata? Grazie

[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Scavo

24% attività
0% attualità
16% socialità
ACIREALE (CT)
CATANIA (CT)
NICOLOSI (CT)
BRONTE (CT)
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gent.ma sig.ra, non escludeei del tutto la correlazione tra indici di flogosi aumentati e infezione vaginale, e comunque non rimanderei affatto l'eradicazione che stimola l'attivazione del sist. immunitario.
cordiali saluti
Dr. Giuseppe Scavo

[#6] dopo  
Utente 108XXX

Buona sera, mi sono sottoposta a terapia antibiotica (doxiciclina )come indicatami dai medici. Ho assunto il farmaco prescritto per 10gg (dal 7 al al 17 maggio.2 cp al dì). Un paio di giorni fa mi sono accorta che sul petto sono comparsi degli arrossamenti (sorta di follicolite non pruriginosa)e ricomincio ad avere il fiato corto (esattamente come a novembre anche se l'esantema era di minore entità) Mi sono rivolta al mio medico curante che, ritiene possa essere la risposta o ad un eritena solare o un eritema legato al caldo di qs giorni. Io, da ignorante invece mi domando se non sia o una risposta alla penicillina o l'evoluzione della mia situazione sanitaria riportata nelle richieste precedenti. Per chi fosse disponibile ....GRAZIE.