Utente 240XXX
Salve, ho 54 anni ed ho da poco effettuato la mammografia, ottenendo questo referto:

Parziale involuzione fibroadiposa delle strutture mammarie con segni di distrofia fibronodulare del tessuto ghiandolare residuo, più evidente a livello del QSE di destra.
Allo stato non si osservano calcificazioni dall’attuale significato patologico nei limiti della metodica.
Addensamento pseudonodulare retroareolare in C-C sinistra.
Nodulazioni linfonodali ascellari a destra.
Indispensabile integrazione ecografica.

Ho perciò eseguito l’ecografia, che ha dato questo risultato:

Normo-rappresentati i piani cutaneo e sottocutaneo.
Parziale involuzione fibro-adiposa dei corpi ghiandolari, con quota fibrosa maggiormente rappresentata a carico dei quadranti esterni.
A destra, al QSE e a sede retroareolare, due formazioni a morfologia tondeggiante, tendenzialmente ipo-anecogene, a margini abbastanza definiti, rispettivamente di circa 5mm e 4.9 mm.
A sinistra, a sede retroareolare, area irregolare, anecogena, di circa 5.6 mm; al QIE omolaterale formazione a morfologia ovalare, isoecogena, di circa 6.3 mm.
A sede ascellare, bilateralmente, linfonodo con ilo iperecogeno (diam max a sin di circa 1.4 cm).
Indispensabile stretta sorveglianza.

La dottoressa che ha effettuato l’ecografia mi ha spiegato di non poter darmi alcun responso in assenza di ecografie precedenti. Mi ha comunque ribadito la necessità di controlli ravvicinati, fissandomi un’ecografia fra 3 mesi.
Ho consultato il mio medico di base, che concordava su un controllo a 3 mesi, con eventuale aggiunta di risonanza magnetica e consulto senologico.
Il mio problema, ora, è che mi sto facendo prendere dall’ansia e l’idea di aspettare 3 mesi mi sembra insopportabile. Cosa potrei fare nel frattempo per tranquillizzarmi?
Grazie dell’attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Probabilmente i nodi rilevati c'erano già e pertanto mi adopererei per far consultare le ecografie precedenti.

In base a questa verifica si potrà decidere il da farsi.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 240XXX

La ringrazio della risposta, purtroppo è la mia prima ecografia, non essendomi mai stata prescritta in precedenza. Negli anni passati avevo aderito a uno screening dove non venivano neanche consegnate le lastre della mammografia, ma veniva comunicata solamente la presenza o meno di lesioni maligne.
A questo punto cosa dovrei fare?

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
E allora non rimane che il controllo a 3 mesi nel corso del quale si deciderà quali provvedimenti eventuali prendere. Lo so che l'attesa è brutta cosa, ma la descrizione dei "nodi" è rassicurante, ma non c'è la prova che siano di recente insorgenza (unica riserva e perplessità)
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 240XXX

La sua risposta mi tranquillizza, aspetterò questi 3 mesi. Di nuovo grazie.