Utente 240XXX
Buongiorno, ho 55 anni, l'anno scorso ho eseguito una mammografia con questo referto

'Parziale involuzione fibroadiposa delle strutture mammarie con segni di distrofia fibronodulare del tessuto ghiandolare residuo, più evidente a livello del QSE di destra.
Allo stato non si osservano calcificazioni dall’attuale significato patologico nei limiti della metodica.
Addensamento pseudonodulare retroareolare in C-C sinistra.
Nodulazioni linfonodali ascellari a destra.
Indispensabile integrazione ecografica.'

La mammografia di quest'anno ha dato questi risultati

'Aspetto fibroadiposo dei corpi ghiandolari con struttura residua addensata in disomogenee zollette. Fibrosi delle strutture retroareolari. Non apprezzabili calcificazioni eteroplasiche. Si consiglia controllo strumentale periodico.'

Non riesco a capire: le mammografie hanno dato lo stesso risultato? come mai i radiologi usano un linguaggio così differente l'uno dall'altro? e soprattutto, posso stare tranquilla?
Grazie per l'attenzione.





[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non importa se usano linguaggio differente, ma la sostanza è che non sia stato rilevato alcun sospetto in senso onclogico.

Tuttavia a causa dei residui ghiandolari densi era stata consigliatta una Ecografia a integrazione diagnostica già un anno fa che suppongo non sia stata eseguita, se no l'avrebbe scritto.

La farei ora anche se a scopo puramente precauzionale.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 240XXX

Buongiorno dottor Catania. L'ecografia l'avevo eseguita, e infatti avevo chiesto anche dei chiarimenti qui su Medicitalia, che lei mi aveva gentilmente fornito.
https://www.medicitalia.it/consulti/Senologia/265725/chiarimenti-su-risultati-mammografia-ed-ecografia

Ho eseguito anche una seconda ecografia a distanza di tempo, con questi risultati:
'Bilateralmente prevalenza della componente fibroadiposa con ampie aree di adenosi su Q.S.E. e con presenza a sinistra in sede retroareolare di alcune piccole cisti semplici contigue di 5-6 mm. ma senza neo-formazioni occupanti spazio (Bi-rads 2).
Non linfoadenopatie ascellari.'

Sulla scorta di ciò, mi è stato consigliato di eseguire la mammografia in questo periodo.
La mia perplessità nasce dal fatto che la senologa si è mostrata stupita e non soddisfatta dai termini usati dal radiologo. Addirittura il mio medico generico ha affermato che 'tutta questa poesia non significa nulla'. Mi hanno comunque consigliato un'ecografia tra 6 mesi. E' sufficiente o è consigliabile eseguirne una ora?

Grazie mille?

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto scrive con i limiti del consulto a distanza è sufficiente.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 240XXX

Grazie della risposta e cordiali saluti.