Utente 360XXX
Buongiorno
sono una signora di 52 anni con un seno definito "complicato" dal medico che mi cura. Eseguo da diversi anni ecografia e mammografia.
nel maggio del 2012 durante un controllo ecografico si nota "area ipocogena del diametro di cira 1 cm con assorbimento del fascio ultrasonico corrispondente" eseguo nello stesso giorno mammografia la quale non evidenzia nulla. In considerazione del fatto che assumevo TOS, il medico mi consiglia di sospendere la terapia e eseguire nuova ecografia dopo 1 mese. Al controllo successivo il nodulo è di 6 mm. Eseguo agoaspirato esito C2. Marzo 2013 a seguito fuoriuscita liquido biancastro dal capezzolo mi fanno fare RM con contrasto la quale risulta nella norma. Giugno 2014 il medico che mi segue decide di fare nuovamente agoaspirato al nodulo, durante l'esame si nota un nuovo nudulo e si decide di fare il prelievo anche a quest'ultimo. Esito vecchio nodulo C1, nuovo C2. Ripeto agoaspirato, nuovamente C1. A questo punto mi consiglia di eseguire RM con contrasto. Mi chiedeo se un nodulo con queste caratteristiche possa tramutarsi in maligno, o tutti questi controlli sono solo uno scrupolo del mio medico.
Vi ringrazio per l'attenzione prestatami. Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Per completezza dovrebbe spiegare bene a quando si fa risalire l'insorgenza di questo nodulo.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com