Utente 279XXX
Gentile Dr. Catania,
chiedo cortesemente un Suo parere in merito a degli esami effettuati da mia sorella in data 28-01-2015.

MAMMOGRAFIA: in sede retroareolare sinistra si osserva la presenza di un'area di distorsione parenchimale che tende a dissolversi con l'esame di dettaglio. Necessaria integrazione diagnostica con esame ecografico per una corretta valutazione strutturale del parenchima e del reperto segnalato a sn. il risultato dell'esame stabilirà il successivo iter diagnostico.
ECOGRAFIA MAMMARIA:componente ghiandolare addensata e disomogenea come per una mastopatia fibrocistica bilaterale (già presente nelle precedenti ecografie). No linfonodi ascellari. Dato il referto odierno mammografico si consiglia nuova mammografia a distanza di 6 mesi.
Mia sorella fa presente che esegue questi esami ogni 2 anni e che all'età di 44 aa. ha subito isterectomia(tolto completamente utero e lasciate ovaie) e che non esegue nessuna terapia per la menopausa.
Le domande sono:
1) delucidazione in merito al referto della mammografia;
2) se è corretto attendere 6 mesi per altra valutazione;
3) se invece è necessario oppure opportuno effettuare altri tipi di esami od altro
al più presto possibile.
Ringraziandola anticipatamente per le cortesi risposte che potrà fornire Le invio cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto scrive mi sento autorizzato a tranquillizzarvi.

In questi casi soprattutto se ansiogena e gravosa l'attesa di 6 mesi si fa una

Risonanza Magnetica CON mezzo di contrasto

Legga

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/quando_perche_fare_RMM.htm

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com