Utente 371XXX
Buongiorno,
scrivo per un referto di mammografia di mia moglie (41 anni). è la prima mammografia fatta ed è stata riscontrata una -voluminosa opacità pseduonodulare al seno sinistro- nessuna microcalcificazione sospetta.
L'ospedale ha richiesto un ecografia sia per indagare l'opacità in oggetto ,sia perchè data la densità del seno era consigliabile completare l'esame con un'ecografia estesa.
E' stata prescritta una'ecografia entro un mese, e ne abbiamo prenotata una privata per il 14 febbraio. Volevo chiedere:
1)c'è la possibilità che le opacità (in generale) siano dovute a qualcosa di innocuo ?
2) al momento pensiamo di rivolgerci ad uno specialista a valle dell'ecografia, in modo da avere il quadro completo. può essere pericoloso aspettare, oppure è inutile andare senza esame completato?

Mi rendo conto dei pochi elementi va vorrei chiedervi lo stesso un parere, inutile aggiungere che lo stato psicologico al momento è di ansia.
Grazie mille in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Potrebbe riportare esattamente il referto mammografico ?
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 371XXX

Buongiorno Dottore , di seguito il referto:
"Mammelle con struttura complessa disomogeneamente radiopaca per prevalenza della struttura fibroghiandolare.
A sinistra voluminosa opacità di aspetto pseudonodulare in particolare al QSE per le quali si chiede integrazione con ecografia mammaria.
Bilateralmente non distorsioni parenchimali.
Rare calcificazioni distrofiche
Non microcalcificazioni sospette.
In considerazione alla struttura ghiandolare si consiglia completamento diagnostico con ecografia mammaria bilaterale"

Aggiungo che è la prima mammografia mai fatta da mia moglie e che l'estate scorsa si è sottoposta a stimolazione ormonale per un tentativo di inseminazione assistita che non è andato a buon fine.
Non abbiamo mammografie precedenti alla stimolazione quindi

Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Quindi, trattandosi di mammelle molto dense , in questo caso la mammografia non ci fornisce dati sufficienti per potere formulare una diagnosi.

Per tale ragione è stata richiesta l'integrazione diagnostica tramite una ecografia, indicata quando la componente ghiandolare (normale a 41 anni) rappresenta un limite per la mammografia.

Abbia ancora qualche giorno di pazienza ed avremo con l'ecografia le idee più chiare.

Ovviamente ci aggiorni se lo desidera.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 371XXX

Grazie dottore,
la aggiornerò di sicuro e la ringrazio per la sua cortesia.

a presto.

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com