Utente 377XXX
Salve dottori Vi chiedo informazioni in merito alla patologia da cui è stata colpita mia zia: carcinoma duttale infiltrante, grado G3 luminal B con metastasi del linfonodo sentinella.
Ha dubito esattamente un mese fa operazione di quadrantectomia per un nodulo dubbio della lunghezza di 0.7mm. Gli esami a cui si è sottoposta sono: linfoscintigrafia, scintigrafia ossea, eco addome, rx torace risultati tutti negativi.
Queste sono tutte le informazioni di cui dispongo, non sono riuscito a leggere nulla per quanto riguarda l'indice di proliferazione e la positività/negatività ai recettori ormonali.
Vi sarei grato se foste in grado di darmi qualche informazione in più rispetto alla guarigione.
Ieri ha fatto la visita oncologica, le sono state prescritte 4 cicli chemioterapici con somministrazione a cadenza di 21 giorni (definita dal dottore chemio rossa, presumo l'epirubicina) e 12 sedute a cadenza di una somministrazione settimanale.
L'oncologo era in dubbio se eseguire lo svuotamento ascellare, il chirurgo senologo che l'ha operata suggeriva di procedere prima con la chemio e poi valutare; in considerazione dell'alta percentuale di possibilità che l'eventuali metastasi linfonodali possano scomparire.
Vorrei un Vostro parere.

Cordialità

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Purtroppo mancano alcuni fattori prognostici e predittivi che sono fondamentali per esprimere un parere corretto (Grading, indice di proliferazione, C-erb2 e i recettori ormonali soprattutto)., che avranno indirizzato l'oncologo verso il programma terapeutico che ci ha allegato.

Legga
https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/940-tumore-seno-chirurgia-fare.html

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 377XXX

Microscopia:
Carcinoma duttale infiltrante (MAS) G 3 sec. Nottingham. Presenza di carcinoma duttale in situ. Invasione linfatica ai
bordi del tumore. Microcalcificazioni assenT). Margini di resezione valutati su ampliamento liberi da neoplasia, sede di areee
di adenosi. Il restante parenchima mammario è sede di iperplasia a cellule colonnari. Metastasi di uno de[ linfonodi
sentinella, iperplasia reattiva dei rimaneti linfonodi sentinella.
Stadio pT1bG3pN1(sn)
Assetto recettoriale e frazione proliferante.
Recettore estrogenico ( clone SP1 ):90% positività nucleare di alta intensità Recettore progestinico ( clone 1E2 ):70% positività nucleare di alta intensità
c-erbB-2 ( clone 4B5 VENTANA): Negativo (punteggio 0): Assenza di immunoreattività di membrana nella componente
infiltrante e nel linfonodo sentinella.
KÌ67: 40% su 3 campì (40x)

Le ho allegato il referto dell'istologico.

Cordialità

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Condivisibile il programma terapeutico proposto precauzionale per la presenza di diversi fattori sfavorevoli (ma ce ne sono anche di molto favorevoli come la responsività recettoriale )

Saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 377XXX

Mi potrebbe dire quali sono le percentuali di remissione?
Zia ce la fara'?
E la possibilita' di recidive ?

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non rispondo mai su domande sulle statistiche.

Legga perché

http://www.senosalvo.com/mai_perdere_la_speranza.htm

Io parlo, anche per sua zia, di buone speranze e non di statistiche
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 377XXX

Ok. Potrebbe, per piacere, commentare il referto perché, non essendo a conoscenza delle nozioni mediche, per me quei dati risultano incomprensibili.
Potrebbe per piacere spiegarmi meglio?
Grazie per la Sua disponibilità


[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Glieli ho riassunti nella prima replica

>>Condivisibile il programma terapeutico proposto precauzionale per la presenza di diversi fattori sfavorevoli (G3, metastasi di un linfonodo , Ki 67..40% ecc.) Ma ce ne sono anche di molto favorevoli come la responsività recettoriale >>
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com