Utente 104XXX
Buonasera,
vorrei un parere sulla prevenzione al seno.
Ho 45 anni e ho sempre fatto prevenzione , fino ai 40 anni visita senologica e ecografia annuale, dopo i 40 anni visita senologica, ecografia e mammografia annuale. Non ho particolari problemi al seno, e i risultati sono sempre stati fino ad oggi negativi, ma ho il seno abbastanza grande e ciò mi provoca molta ansia perchè non riesco a fare l autopalpazione mensile, o meglio, credo di saperla fare data la dimensione del seno. Premetto che sono particolarmente fobica per i controlli al seno, ed ogni volta che arriva la scadenza per il controllo vado in ansia e sono terrorizzata. Ultimamente mi sono un pò documentata e ho letto molti articolo sull'utilià o meno della mammografia annuale, sembrerebbe che non tutti i medici sono d'accordo sul farla annualmente. Il motivo per cui io la faccio annualmente è solo perchè sono seguita da un centro di prevenzione e lì il protocollo prevede scadenze annuali per tutte le donne sia per la mammografia sia per le ecografie. Ora, la mia domanda è questa: la mammografia va realmente fatta ogni anno? Perchè questa cosa mi angoscia non poco e non so se sto facendo bene a fare tutti questi controlli ravvicinati, l'unica cosa che ciò mi provoca è un grande stress. Grazie mille per la risposta.

[#1] dopo  
Dr.ssa Veronica Barra

24% attività
0% attualità
0% socialità
TIVOLI (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2014
Buona sera. L' intervallo di tempo tra una mammografia e l' altra speso dipende dalla tipologia ghiandolare della mammella, dalla familiarità per tumore al seno, utero o ovaie. In particolare seni con componente adiposa predominante possono fare un esame mammografico anche ogni 18 mesi. Al contrario seni molto densi hanno bisogno di controlli annuali. Questo non vuol dire che seni densi hanno maggiore probabilità di ammalarsi ma solo che la lettura radiografica risulta più complessa. Sarà il medico che, vedendo la tipologia ghiandolare, saprà decidere l' intervallo corretto.
Spero aver risolto qualche suo dubbio.
Dr.ssa Veronica Barra