Utente 384XXX
Salve vorrei maggiori informazioni al riguardo della problematica di mia moglie. Ella è stata operata a maggio 2015 per un nodulo retroareolare mammella dx. Pregresso tumore filloide di II grado (bordeline) operato nel 2012. La diagnosi dell’esame istologico è:
DESCRIZIONE MACROSCOPICA:
Resezione di parenchima mammaria, non orientabile cm 6x5.5x3, a superficie bruno-giallastra irregolare. Al taglio, neoformazione di colorito bianco- grigiastro di aspetto plurinodulare cm 5 di diametro.

DIAGNOSI:
Tumore filloide recidivo co aspetti di malignità
Ipercellularità
Atipie citologiche di grado moderato-severo
Mitosi pari a 13x10HPF (presenti mitosi atipiche)
Si segnala la presenza di focale componente
eterologa liposarcomatosa
Indenni i margini di resezione chirurgica.
In conclusione: tumore filloide maligno.
Gradirei sapere quale strategia mettere in campo. Grazie
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
I criteri di radicalità chirurgica li può definire solo il chirurgo che ha eseguito l'intervento.

Cosa vi hanno proposto di fare ?

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com