Utente 390XXX
Buonasera, scrivo per un parere relativo a mia madre. Lei ha 79 anni e poche settimane fa dalla mammografia è emerso quanto segue:
"L'esame mammografico presenta una opacità nodulare a margini e densità irregolare della mammella dx con segni di retrazione aureolare di circa 20 mm di diametro da riferire ad espansivita atipica eteroplastica. La mammella sx presenta piccola irregolarità nodulare retroareolare con caratteri di atipicita. Concomitano numerose immagini di microadenomi calcifici bilaterali. Linfonodi dei prolungamenti ascellari bilaterali. Si consiglia visita chirurgica"

Ha effettuato anche una tac totalbody che non ha evidenziato metastasi e questo ci ha rassicurati molto. Tuttavia alcuni medici dicono che vista l età il tumore progredisce molto lentamente e che in alcuni casi è meglio non operare. Tra qualche giorno sentiremo un nuovo chirurgo per capire cosa fare.
Io vorrei sapere che prospettiva di vita ha mia madre e se è vero che le cure aggressive non vengono fatte per via dell'età o altro. Vi chiedo un parere perché non so più cosa fare o pensare. Voglio che mia madre viva a lungo e bene.
grazie.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non sono d'accordo con quanto riporta qui.

Nella donna anziana contano le condizioni generali ( e quindi l'aspettativa di vita) per il trattamento e non l'età anagrafica.

Legga

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/66-aggressivo-carcinoma-eta-senile.html?refresh_ce

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 390XXX

Grazie Dottore per la sua risposta, ho letto l'articolo, mia madre assume cardioaspirina. Nel 2012 le hanno diagnosticato: encefalopatia vascolare cronica, atrofia fronto insulare bilaterale e ateromasia carotidea. Inoltre dall ecg era emersa la presenza di onda t simili ischemico e dall'rm encefalopatia erano emersi multipli esiti gliotici riparativi di sofferenza vascolare microangiotica in sede fronto parietale sottocorticale.
Secondo lei queste condizioni possono incidere su un intervento? Martedì come le dicevo sentiamo un altro chirurgo. Grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Effettivamente le condizioni generali non sembrano brillantissime , ma queste valutazioni non le deve fare il chirurgo, ma tramite una valutazione anestesiologica.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 390XXX

Grazie ancora dott. Catania. Spero solo che ci sia una prospettiva di vita lunga il più possibile.

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Auguri
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 390XXX

Molte grazie. Il chirurgo ha deciso per l'intervento con asportazione del seno destro. A sinistra farà l' agobiopsia. Non consiglia la ricostruzione e comunque mia madre non la ritiene necessaria. Intanto vediamo come va l'intervento. Io avrei voluto anche lo ricostruisse perché per una donna il seno è la sua femminilità e inoltre per una madre è anche un simbolo. Ma pazienza, basta che stia bene.
Molte grazie dottore, questo sito e il suo contributo fa tanto. Molto di più di quel che si crede.