Utente 137XXX
Buongiorno vi chiedo cortesemente un consulto in seguito a un esame che mi ha lasciato un po di ansia! Nel 2013 mi è stato diagnosticato un fibroadenoma al seno (Sì segnala in Q1-Q3 a dx una formazione ipoecogena di circa 1,2 cm rotondeggiante a margini sostanzialmente regolari) su cui è stato effettuato un agoaspirato risultato C2. Dopo un anno l'ecografia evidenzia la stessa formazione un po aumentata (1.3 cm) quindi si è deciso di eseguire la biopsia risultato: fibroadenoma con iperplasia duttale tipica B2 mioepitelio presente. CK5/6 positiva con pattern a mosaico. La seno logaritmica mi disse di ricontrollare dopo un anno ma di stare tranquilla in quanto era un fibroadenoma benigno. L'anno successivo ero in gravidanza quindi il 2015 è saltato e quest'anno nonostante stessi ancora allattando mi sono cmq sottoposta a ecografia e la diagnosi è stata la seguente: si conferma la presenza di una formazione solida ipoecogena ma disomogeneità con margini polilobati a forma di otto per la verosimile continuità di due analoghe formazioni con le medesime caratteri ecostrutturali priva di vascolarizzazione che al controllo attuale appare di dimensioni incrementate 18mm Vs i 12 mm precedenti. Al chè un po spaventata per l'aumento di dimensioni mi hanno fatto una tomosintesi in cui non sono state evidenziate alterazioni focali con carattere di evolutività. Almeno questo è quello che c'è scritto ma verbalmente mi è stato detto non dovrebbe essere nulla di grave e mi è stato consigliato un controllo fra sei/nove mesi. Questo condizionale mi ha un po allarmato,io pensavo che con la tomosintesi si potesse togliere ogni dubbio,ma come è possibile? Dovrei fare un'altra biopsia per essere più tranquilla? Mi scuso per la spiegazione che è diventata un po lunga ma ho preferito elencarli tutto. Vi ringrazio anticipatamente per il vostro interesse.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non è facile rispondere a distanza senza una visita e senza la possibilità di consultare la documentazione strumentale, ma se si tratta di un fibroadenoma accertato credo che la sua ansia, pur se comprensibile, è del tutto ingiustificata.

Legga

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/68-fibroadenoma-devo-operare.html

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 137XXX

Grazie per la sua risposta, la mia ansia è stata generata dalla risposta verbale non chiara in seguito a tomosintesi. ...ma è possibile che dopo tale esame non si sia in grado di dare una risposta certa? Cosa è in grado di vedere tale esame? Mi scusi ma avevo un idea diversa sulla mammografia/tomosintesi.
Ero intenzionata a fare un'altra visita da un senologo molto in gamba della mia zona ma non so come comportarmi visto che, anche se poco (1/2 volte al giorno ), sto ancora allattando e non vorrei privare il mio bimbo del latte se poi non c'è nulla di preoccupante. Ma questo non lo riesco a focalizzare!!! Grazie ancora per l'interesse!

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com