Utente 309XXX
Due anni fa, cercando di salire in macchina dalla parte più stretta del box, sono rimasta incastrata con la spalla e la schiena attaccate al muro e con il seno destro alla carrozzeria dell'automobile.
Il giorno dopo, il seno ha incominciato a riempirsi di cisti e di cordoni, che andavano aumentando e che mi dolevano.
Mi sono sottoposta a mammografia ed a ripetute ecografie, ma il risultato non segnalava nulla di particolare, a parte una lieve mastopatia fibrocistica, sempre avuta, fin da ragazzina, e ad un edema adiposo sottocutaneo, che è migrato per circa due mesi e che, poi, si è sciolto.
L'anno scorso, a causa del forte caldo umido, sudavo moltissimo , anche a livello mammario.
Ad un certo punto, sono stata colpita da sudamina, con pustole sopra e sotto i seni, in particolare il destro, e con presenza di bolle al di sopra di quest'ultimo.
Con i preparati indicatimi dal medico di base, questa eruzione cutanea è andata via in pochi giorni, però, anche questa volta, sia pure per un motivo diverso, il seno destro, oltre che a diventare arrossato, si è riempito di cisti e cordoni, per cui ho temuto il peggio.
Mi sono nuovamente sottoposta a mammografia e ad ecografia e non è stato messo ancora in evidenza una situazione del tutto normale, a parte un lieve edema adiposo sottocutaneo, passato con antinfiammatori ed antibiotici.
Ora, sono estremamente preoccupata, perché ho sentito dire che gli edemi adiposi sottocutanei al seno possono incorrere in recidive e, siccome ambedue i precedenti si sono verificati in estate, temo che anche quest'anno se ne ripresenti un'altro. Non vivo più!
Inoltre, sono ossessionata dal fatto che si tratti di un tumore, anche se non mi è stato mai diagnosticato nulla di simile.
Un senologo mi ha detto, comunque, di riprendere, dopo trent'anni, a portare un reggiseno, senza aggiungere altro. Può essere il fatto che io non lo porti a causare questi episodi?
Grazie della vostra competenza ed attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto descrive starei assolutamente tranquilla in senso oncologico, ma comprenderà bene che nel suo caso la visita sia indispensabile per apportare il contributo che da noi si aspetta.

Trovo strano che possa esserci una correlazione tra quanto descrive ed il trauma essendo già trascorsi due anni.

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 309XXX

Forse, Dottore, non mi sono spiegata bene.
L'edema adiposo sottocutaneo, risalente a due anni fa e dovuto a trauma, come quello dell'anno scorso, causato dalla sudamina. sono rientrati perfettamente ed ora non ho più nulla.
Tuttavia, essendo ambedue gli episodi capitati d'estate, ora sono ossessionata che in questo periodo possano ripetersi nuovamente e vivo nel terrore, ogni giorno che passa.
Ma è vero che gli edemi adiposi sottocutanei possono avere recidive? E quali sono le cause della loro formazione, a parte quelle che me li hanno provocati?
Inoltre, è vero che non portando il reggiseno da 30 anni, potrei andare incontro ad altri eventi del genere?
L'unica cosa che si è verificata, come le ho esposto in un precedente consulto, è l'aumento dei seni, nonostante sia dimagrita.
Il medico di base,dopo aver effettuato la palpazione e basandosi sugli esiti negativi di mammografia ed ecografia eseguiti circa sei mesi fa, come pure il ginecologo, considerato il fatto che ho 67 anni e che, appunto, non portando reggiseno, le mammelle si sono afflosciate, con accumulo di grasso nella parte inferiore, quasi per gravità, mi hanno assicurato che il tutto è correlato all'età e mi hanno assicurato che molte donne mie coetanee sono così. Inoltre, mi hanno fatto osservare che i due seni hanno pressappoco le stesse dimensioni.
Eppure, io vivo nell'ansia perpetua e vorrei sottopormi all'intervento preventivo della Jolie.
C'è, per caso, qualche preparato che riduca il volume del seno?
Grazie mille.

[#3] dopo  
Utente 309XXX

Egregio Dottore, dall'anno scorso d'estate non mi sono più venuti edemi sottocutanei.
Però, ho sentito parlare di possibili recidive e questo non mi lascia più in pace.
Quanto all'aumento del volume dei seni, mi ha visitata un medico che esegue soltanto mammografie e, per prima cosa, mi ha detto che sono tutti e due uguali, con accumulo di grasso verso la base ed estremamente afflosciati, non portando più reggiseno da almeno vent'anni a questa parte.
Ne ho acquistato uno contenitivo, ma, complice il caldo afoso, non sono riuscita a resistere. Avevo la sensazione che fosse una corazza.
Allora, ne ho comperati due più leggeri, ma, dopo poche ore, sono stata costretta a desistere.
Tenga presente che ho una lieve diastasi addominale, con una piccola ernia ombelicale e, a livello superiore dello stomaco, la parete rientra, per poi gonfiarsi subito al di sotto.
Tutti i reggiseni terminano, con la loro fascia, proprio in corrispondenza di tale fossetta e mi danno fastidio.
Che cosa devo fare?
Posso cercare di rassodare ed eventualmente diminuire i seni con l'uso di manubri?
Oppure, esiste qualche farmaco in grado di sciogliere la massa adiposa?
Su Internet, ne ho visto uno, di cui, per ovvie ragioni, non faccio il nome, ma non so se abbia effetti collaterali negativi.
Confidando in una sua risposta, invio distinti saluti.