Utente 436XXX
G.le Professore,
La contatto per chiedere delucidazioni in merito ad una diagnosi che ho ricevuto.
Sono una ragazza di 22 anni, con una storia clinica familiare caratterizza da moltissimi casi di tumori al seno, anche in età giovanile.
In seguito ad alcuni dolori nella zona della mammella, ho effettuato una ecografia, dalla quale è risultata la presenza di una grossa infiammazione (ero, tuttavia, in periodo mestruale) e di una formazione di 15 mm, con contorni irregolari e significato fibroadenomatoso da specificare con ulteriori analisi. A causa dell'infiammazione, vi era un rigonfiamento dei linfonodi di tutta l'area, inclusa quella ascellare (nel referto mi sembra si parlasse di iperplasia).
Ho effettuato un altro controllo ecografico 6 mesi dopo, dal quale si è confermata la presenza di questo NODULO IPOECOGENO DI 14 mm, di aspetto benigno, rimasto identico rispetto all'ecografia precedente. L'unica anomalia riscontrata è l'infiammazione intorno al nodulo.
Visto il risultato dell'ecografia, mi sono recata in un centro senologico, dove mi è stata fatta un'altra ecografia.
Mi è stato detto che sí, c'è questa formazione, ma non sono sicuri che sia un fibroadenoma, dicono che potrebbe essere un addensamento causato dall'infiammazione che ho avuto.
Mi hanno detto di stare tranquilla perchè ho 22 anni, ed è molto improbabile che sia qualcosa di grave, il nodulo potrebbe essere l'esito di una mastopatia, però mi è stata comunque prescritta una biopsia, da effettuare appena vi sia dispobilità presso il centro.
Sono preoccupatissima e la mia domanda è: se non è un fibroadenoma, cos'è? Nella peggiore delle ipotesi, cosa potrebbe essere?
Ho paura che, vista la mia giovane età, la situazione venga sottovalutata. Specifico che in famiglia ci sono stati decessi per tumore al seno in età vicina ai 30 anni.
Vi ringrazio anticipatamente,
saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Il problema è che non sia stata ancora formulata una diagnosi.
Per quanto mi senta autorizzato a tranquillizzarla da quanto descrive, in considerazione della familiarità sarebbe opportuno un approfondimento tramite una agobiopsia ecoguidata.

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 436XXX

La ringrazio per la tempestività nella risposta e, in generale, per la disponibilità.
Verrò chiamata entro un mese dal centro per effettuare la biopsia.
Saluti

[#3] dopo  
Utente 436XXX

G.le dott. Catania,
Come le avevo anticipato, ho effettuato l'agobiopsia, ho ricevuto l'esito dell'esame istologico e, ieri, mi sono recata presso il centro per discutere il referto.
Referto radiologico:
3/4
Referto istologico:
"Fustoli di lesione fibroadenomatoide pericanalicolare/amartomatosa senza atipie."
Nella visita di ieri, mi è stato detto che è tutto benigno ma, a causa dei contorni irregolari della lesione è consigliabile operare.
Vorrei sapere, in particolare, cosa vuol dire che la lesione è "amartomatosa".
A causa di questa componente, vi sono implicazioni su un possibile rischio futuro di sviluppare tumori maligni?
Si tratta di un problema genetico?

[#4] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
D'accordo per l'asportazione, ma non c'è alcun incremento del rischio relativo per tumore al seno
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com