Utente 466XXX
Ai medici di Senologia
Buongiorno, ho 54 anni, a gennaio dello scorso anno, durante l'autopalpazione del ho sentito una pallina al seno sinistro, quindi controllo urgente quella si è rivelata una semplice cisti aspirata, mentre è stata trovato un nodulo impalpabile di 1 cm, e come già anticipato durante la biopsia si è rivelato un carcinoma duttale infiltrante supero interno sx, questo è il referto post operatorio: exeresi mammaria sin e biopsia linfonodo sentinella e accessorio: CDI G2 pT1b (1cm) N0/2 sentinella
Er 98% PgR 100% Ki67=12% Her2=0. Sono stata trattata con radioterapia e letrozolo, scrivo perché alla fine di marzo avrò la 1^ mammo dopo l'intervento, ed è da qualche giorno che sento e vedo il seno operato gonfio, come la zona ascellare e giù sulle costole, inoltre, apoena sopra la cicatrice ho come un piccolo ponfo o foruncolo arrossato che a volte si nota maggiormente, prude ed è dolente al tatto, chiedo se si tratta di problemi normali o se devo anticipare la visita senologica programmata dopo la mammografia.
Ringrazio anticipatamente e mi scuso se non uso termini molto adatti nell'esposizione

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto descrive starei tranquilla , ma anche per ragioni psicologiche cercherei di anticipare la visita.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 466XXX

La ringrazio infinitamente per il consiglio, e senza ombra di dubbio concordo con Lei su quanto sia importante la componente psicologica.
Ancora grazie

[#3] dopo  
Utente 466XXX

Buonasera Dr, come da Lei consigliato ho anticipato il controllo, ho fatto mammografia ed ecografia di controllo, il foruncolo non è niente di preoccupante, sembra sia normale dopo la radioterapia, purtroppo al seno sano, il destro il radiologo ha notato una piccola zona sfumata e non sicuro di ciò che possa trattarsi oggi mi è stata fatta agobiopsia ecoguidata trucut, sono molto preoccupata come potrà immaginare, e dovrò aspettare 15 giorni, garbatamente ho chiesto lumi e mi è stato risposto che mal che vada andrà tolto chirurgicamente è di pochi mm, e il percorso lo conosce già......tenga il ghiaccio e segua le istruzioni, peccato che nella mia testa c'era già quella ipotesi e in più appena un anno dopo. Inoltre non ho nessuna delle due indagini effettuate perché mi verrà consegnato il tutto con istologico.
La ringrazio per le Sue risposte esaustive, e mi farò risentire con i referti.

[#4] dopo  
Utente 466XXX

Buongiorno Dr, oggi ho avuto i referti di mammografia e biopsia al seno destro, quello sano.
Esiti di quart a sn. mammelle iperecogene di tipo fibroghiandolare. Piccola distorsione al Qse destro in sede parasaggitale superiore. Presenza di numerose formazioni cistiche bilaterali alcune delle quali corpuscolato delle dimensioni massime di circa 1,6 cm al quadrante supero est di dx. Area disomogenea di 7-8 mm in sede parasagittale superiore dx di cui si programma microbiopsia.
Biopsia carcinoma duttale infiltrante grado nucleare 1. Classe B5- Parametri biologici: recettori estrogeni 100% progestinici 60%
proliferazione 5%
Oncoproteine Her2 score 0.
Quindi chiedo gentilmente a Lei, se davvero questo nuovo tumore è meno aggressivo addirittura da non fare il linfonodo sentinella e se è possibile che la Rm dello scorso dicembre diceva tutto a posto e per ultimo il letrozolo non è stata la terapia giusta.
Mi scuso per le domande e La ringrazio per l'attenzione

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Effettivamente appena un anno dopo mi sembra molto strano.

Sicuramente i fattori prognostici che allega sono molto favorevoli e cio' giustifica un cauto ottimismo.

Immagino la sua ansia dopo appena un anno dalla esperienza precedente.

Le consiglierei un diverso approccio per affrontare la malattia.
Uscire dal guscio le permettera' di condividere con persone (sue compagne di avventura) che possono comprendere piu' di amici e familiari e le permettera' di modificare la percezione della malattia.
Purtroppo non posso spiegare tutto perche' ci vorrebbe qualche volume.

Se lo desidera riposti con il copia incolla nel mio blog e non si pentira' glielo assicuro la sua esperienza, presentandosi con un nome (anche fasullo e manterra' l'anonimato)
su
https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-1306.html

L'aspettiamo
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 466XXX

La ringrazio per avermi consigliato, con il Suo modo di rapportarsi con me e con altri consulti non genera ansia per i tanti paroloni, risponde con pazienza e consigli come un amico non un medico che sta dall'altra parte....e 2 domande a volte sono troppe.
Come riesco entro nel Blog, non sono molto tecnologica, e ora confusa: lo scorso anno mi sono lasciata guidare e forse non ho insistito ad avere, alcune risposte, che ora ovviamente si aggiungono alle nuove.
Una domanda amcora, quando ho iniziato il letrozolo, lo scorso maggio non ero in menopausa, ho iniziato radioterapia e letrozolo, senza l'iniezione....e questa è una delle domande rimaste senza risposta, ed ora con i recettori ormonali alti, temo di dover fare altra terapie o intervento perche con le cisti ovariche ho avuto problemi, e poi sto assumendo eutorix da 3 anni dopo tiroidectomia per rimozione del gozzo che affondava nel mediastino.
La ringrazio tanto e spero quanto prima di conversare col blog.

[#7] dopo  
Utente 466XXX

Buongiorno Dr, il 5 aprile ho fatto intervento quadrantectomia con metoto Roll e linfonodo sentinella, questa è la diagnosi con istologico: carcinoma duttale infiltrante moderatamente differenziato G2; nodulo neoplastico del diametro maggiore di cm 1,8, si associa modesta quota (5% circa) di carcinoma duttale in situ di grado nucleare basso e intermedio e pattern solido e cribriforme, indenni da neoplasie i vari limiti chirurgici esaminati e la cute; Parametri biologici (immunoistochimici % di cellule poditive)
Recettore estrogenici ( clone sp1): >95%; Recettore progestinici 75% (clone Ie2); Indice di proliferazione KI67 (clone 30:9) 12% - Oncoproteine HER 2 (clone 4B5): score = 0 marcatura citoplasmatica aspecifica. PTMM: T1c N0 (sn). Linfonodo sentinella indenne da metastasi (ricerca eseguita su sezioni multiple ad esaurimento del campione con colorazione routinaria e con metodo immunoistochimico per citocheratine pool.
Chiedo a Lei se è possibile che le 2 biopsie siano così differenti ed inoltre il seno è dolente e la zona della cicatrice e l'areola sono dure a più di un mese dall'intervento mentre sotto all'ascella e nel braccio ho dei cordoncini che sta trattando il fisioterapista, Le pongo queste domande perché il decorso post operatorio della quadrantectomia fatta l'anno scorso all'altro seno, il sinistro non è stata così.
Inoltre sembra che cambieranno letrozolo sempre con analogo ma un pò diverso e farò radioterapia ma non si sa quante.
La saluto cordialmente e ancora grazie per La sua disponibilità e per tutti i chiarimenti che mi ha sempre dato.