Utente 485XXX
Salve, sono alla 36 settimana di gravidanza, da fine dicembre mi sono accorta di avere un linfonodo ingrossato sotto l ascella destra , il mio medico mi ha vietato l uso del deodorante e m ha consigliato di usare solo il bicarbonato , dopo un mese la Ginecologa m ha dato una crema da mettere per tamponare la situazione bromescin gel,senza nessun risultato, dopo 2 mesi dalla comparsa abbiamo deciso di fare un ecografia a seno e ascella e hanno riscontrato linfonodi aumentati di volume a destra del diametro di 2,3 cm x1,2 cm a sinistra del diametro di 0,78cmx0.60cm e dei poli vascolari da riferire come prima ipotesi a caratteristiche infiammatoria. Mentre nel seno destro ,avevo riscontrato una piccola pallina che però non è era visibile nell ecografia, l unica cosa visibile essendo in gravidanza era una notevole ectasia duttale, il medico che ha eseguito l.ecografia m ha consigliato di ripeterla dopo la gravidanza. La mia ginecologa ha quindi insistito per effettuare una cura antibiotica con zimox mattina e sera per sei giorni. Abbiamo provato anche questa ma il linfonodo non è diminuito e durante la Giornata fa male, ora dopo 3 mesi la cosa sta iniziando a preoccuparmi perché inizio a pensare che possa essere causato da altro e quindi temo per me e la mia piccola yra l altro le ultime analisi avevo anche i globuli bianchi alti e sta iniziando a diventare pesante perché è 3 mesi senza potermi depilare e dovendo usare solo bicarbonato,ci stiamo anche avvicinando alla stagione estiva . All inizio pensavo potesse essere causato dalla gravidanza e volevo evitare l uso dell antibiotico poi ho ceduto sperando di risolvere la situazione e ora mi ritrovo al punto di partenza.cosa consiglia di fare?spero possa aiutarmi,la ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di monitorare il quadro dopo la gravidanza. I linfonodi REATTIVI possono incrementare il loro volume anche per anni.
Una volta che e' stata posta la diagnosi di linfonodo reattivo mi concentrerei solo sulla gravidanza rinviando alle fasi successive il controllo.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com