Utente cancellato
Sono un ragazzo di 28 anni disperato per un prooblema che mi sta condizionando la vita,da un po di tempo sento un continuo stimolo ad urinare,all'inizio l'ho sottovalutato,ma in questo periodo è degenerato,adesso lo stimolo compare dopo 15,20 minuti dalla minzione precedente e per sopportarlo sto quasi tutto il giorno seduto oppure disteso sul letto.
Dopo vari esami delle urine,urinocultura,esame del sangue,dosaggio del psa,tutte con esito negativo,ho fatto un'ecografia tridimensionale dei reni,vescica,prostata dove sembra essere emerso soltanto:

Vescica distesa e di capacità conservata senza apprezzabili variazioni intrinseche parietali a parte modico ispessimento a livello della regione trigonale ben evidente anche nelle ricostruzioni 3-4 D;
Prostata con volumetria nei limiti,a contorni regolari(mm.32 x mm.38 x mm.31 vol.20cm cubici)

Vi ringrazio Moltissimo per l'attenzione,sono molto sconfortato in questo periodo vi prego aiutatemi!

[#1]  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
Credo sia opportuno una visita di un esperto urologo che eventualmente potrà decidere se eseguire o meno esame urodinamico per poi impostare adeguata terapia.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#2] dopo  
242018

dal 2014
La ringrazio della tempestività Dottor Scalese,la settimana prossima ho una visita dall'urologo...posso aggiornarla?grazie anticipatamente!

[#3]  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Ok! Se le fa piacere mi tenga aggiornato.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#4] dopo  
242018

dal 2014
Gentilissimo Dottor Scalese stamattina sono andato dall'urologo,che dopo avermi visitato ha detto che la grandezza della prostata è in linea per un ragazzo della mia età,e dopo aver ascoltato quello che lamentavo,cioè:il problema delle minzioni frequenti,infatti a partire da 30,40 ml di urina,inizio a sentire lo stimolo stando all'inpiedi,e dopo aver visto l'ecografia(modico ispessimento della regione trigonale)mi ha prescritto lo xatral 1 compressa al giorno per 30 giorni,volevo sapere lei cosa ne pensa,anche perchè la xatral mi sembra un farmaco per curare la prostata....dimenticavo,in estate oltre a questo fastidio di dover andare sempre in bagno,avevo anche dolore nella zona sovrapubica,allora il medico curante mi scrisse ciproxin,supponendo si trattasse di una cistite in atto,dopo la cura fortunatamente il dolore è sparito.


La ringrazio molto dell'attenzione!

[#5]  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
Quindi probabilmetne si tratta di una aumentata di sensibilità della sua vescica ai vari stimoli (riempimento vescicale, variazioni di temperatura ecc.). Lo Xatral è un farmaco che rilassa la muscolatura liscia del collo vescicale facilitando l'espletamento della minzione.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#6] dopo  
242018

dal 2014
La ringrazio moltissimo Dottor Scalese,ho iniziato la cura,intanto mi sento un po più confortato,spero di riuscire a guarire da questo disturbo,magari vedo un po col passare dei giorni e,se posso,l'aggiornerò sull'andamento...intanto le porgo i miei più cordiali saluti!

[#7]  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prego! Se vuole mi tenga aggiornato. Comunque periodicamente esegua un controllo ecografico.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#8] dopo  
242018

dal 2014
Gentile Dottor Scalese,dopo 6 giorni di cura con xatral non noto nessun cambiamento ed il fastidio è identico che avverto,è come un incontinenza da sforzo ma senza perdite,fortunatamente.

[#9]  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Probabilmente potrebbe essere utile fare qualche aggiustamento terapeutico. Ne riparli con il suo urologo.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#10] dopo  
242018

dal 2014
Gentile Dottor Scalese,non so se ricredermi sullo xatral,infatti dopo poco piu'di una settimana di assunzione,sembra che mi aiuti un pochino a sentire meno fastidio,ad esempio,la mattina mi sveglio con meno dolore alla vescica,durante la giornata sento il primo stimolo dopo circa un'ora dalla minzione precedente,e sto cercando di sopportarlo fino ad arrivare a due.Il fastidio che avverto è come se la capienza della vescica rispetto a qualche anno fa fosse diminuita a 200,300 ml e di conseguenza sento lo stimolo molto prima,Le volevo chiedere come fare per riabbituarla ad una capacità maggiore,visto che solo quando mi sveglio riesco ad avere una minzione anche di 600,700 ml(ma con vescica dolorante,e svegliandomi e riaddormentandomi durante la notte)mentre durante la giornata al massimo arrivo a 300.La ringrazio sempre per la disponibilità e tempestività!

[#11]  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
A volte si hanno delle concezioni errate riguardo alla normalità ovvero non bisogna mai sovradistendere la vescica sino ad arrivare a 600 700 ml situazione in cui è inevitabile il "dolore alla vescica".
E' fisiologico avere lo stimolo a 300cc.
E' errato cercare di trattenere l'urina, salvo particolari esigenze (es: quando non si ha un bagno a portata di mano).
Per evitare la sovradistensione noturna probabilmente occorre ridistribuire più accuratamente l'assunzione di liquidi durante la giornata riducendone l'introito nelle ore serali.
In media quanto urina nelle 25h?
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#12] dopo  
242018

dal 2014
Gentile Dottor Scalese premettendo che lo stimolo-fastidio a livello sovrapubico continua,stamattina sono andato a ritirare l'esame citologico (3 campioni) e nella diagnosi compare quanto segue: Il quadro citomorfologico mostra cellule squamose delle basse vie urinarie,cellule dell'urotelio transizionale prive di atipie e cellule infiammatorie in prevalenza neutrofili.Mi potrebbe spiegare cosa significa?La ringrazio molto!

[#13]  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
le cellule squamose e dell'urotelio sono comuni cellule di sfaldamento. Invece le cellule infiammatorie stanno ad indicare che esiste ancora un processo infiammatorio residuo. Sarebbe utile conoscere il loro numero (molte, poche, scarse?)
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#14] dopo  
242018

dal 2014
Grazie Dottor Scalese,quindi questo fastidio che sento che sitramuta in stimolo continuo potrebbe essere causato da questa infiammazione in atto?secondo lei lo xatral lo posso continuare a prendere o non serve nel mio caso?Per quanto riguarda le cellule infiammatorie sull'esame citologico fatto non sono espresse le quantità,sarebbe opportuno fare qualche altro esame...La ringrazio moltissimo!

[#15]  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
1) Probabilmente si
2) Per quel che riguarda la terapia dipende dai benefici che ne trae
3)Se la sintomatologia persiste ripeta la citologia urinaria fra qualche settimana per monitorare il numero di cellule infiammatorie.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#16] dopo  
242018

dal 2014
La ringrazio Dottor Scalese,l'urologo mi consiglia di prendere ancora lo xatral,per poi a fine cura valutare sulla base della citologia un'eventuale cura.

[#17]  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prego!
Cordiali saluti
Gino Scalese