Il medico, ho fatto delle nuove analisi

Salve, nel Dicembre 2011 ho avuto problemi nella minzione, con bruciore del canale urinario e difficoltà a svuotare la vescica. Dopo il consulto dal medico, mi ha fatto fare il controllo delle urine, del sangue e un'ecografia transrettale. Le analisi delle urine e del sangue sono buone, l'ecografia ha evidenziato questo: "diametro trasverso di circa 4 cm con volume teorico di 26 ml. Ecostrutturalmente si segnala area di disomogeneità ecostrutturale come per flogosi, riconducibile alla sospetta prostatite del quesito diagnostico iniziale, situata nella parte distale del lobo di destra ed in sede periuretale. Si esclude la presenza di nodularità sospette nelle porzioni periferiche posteriori. Vescicole seminali simmetriche e regolari per aspetto: Non evidente ectasia del plesso venoso periprostatico."
Il medico mi ha prescritto a mesi alterni il SABA, e di evitare cibi piccanti, alcool e bevande gassate, cffè, bici, moto, cibi fritti. Le cose sono andate sempre meglio, non avevo più problemi di bruciore, ma ancora qualche problemino nella sfera sessuale e nella minzione. A Novembre, dopo aver cominciato un nuovo lavoro, notavo dei peggioramenti; dove prima succedeva solo qualche volta, il problema della minzione ora risultava più assiduo. Parlando con il medico, ho fatto delle nuove analisi; sangue e urine ok, l'ecografia ha evidenziato: "volume prostatico stimato cc 13.5. Permane disomogenea ipoecogena area probabilmente flogistica periuretrale e si rileva modesto incremento della vascolarizzazione al color-Doppler. Regione ghiandolare periferica simmetrica con capsula conservata senza alterazioni macroscopiche a focolaio. Vescicole seminali simmetriche moderatamente congeste."
Cosi sono andato da un urologo, e attraverso le ecografie mi ha prescritto il SABA 3 mesi si e 2 no. Non riscontrando miglioramenti, mi sono documentato, ed ho cominciato a fare una dieta, eliminando tutti i cibi e bevande che fanno male alla prostata. Praticamente bevo solo acqua, mangio carni bianche, evito latticini di mucca, cioccolato e dolciumi industriali. Ora siamo alle porte di Maggio e non ho nessun miglioramento. Vorrei sapere se tutto questo è dovuto allo stress, ed è normale che il problema si prolunghi per cosi tanto, o se devo fare ulteriori analisi. Inoltre il medico mi ha prescritto di prendere l'IPERTROFAN invece che il SABA, perchè da lui stesso provato con miglior risultati. Aspetto vostre notizie, grazie in anticipo!
[#1]
Dr. Paolo Piana Urologo 36.9k 1.7k 16
Gentile Giovanotto,
sia la meparticina (Ipertrofan), sia l'estratto vegetale di palma nana (serenoa repens - SABA ... e 1000 altri) sono prodotti intesi per la terapia dell'ingrossamento prostatico benigno, che non è ovviamente il suo probelma. La blanda ed indiretta azione anti-infiammatoria di queste sostanze ha tradizionalemnte ampliato il loro campo di prescrizione anche alle prostatiti, ma sempre con intento piuttosto empirico e con risultati assolutamente variabili. Peraltro, non esistendo di fatto terapie specifiche per far fronte alle prostatiti nella loro fase di stabilizzazione, una certa parte di nostri Colleghi ha sviluppato l'abitudine di utilizzare queste sostanze anche al di fuori dlle loro indicazioni principali. Se non si colgono risultati evidenti entro, diciamo, un paio di mesi, a nostro parere non sarebbe giustificato insistere. Senz'altro nel suo caso la tensione emotiva può aver certamente amplificato la percezione dei disturbi. Ci pare peraltro che lei abbia già messo in atto tutte le più comuni precauzioni nello stile di vita. A questo punto, definitivamente accertata la negatività degli esami colturali su urine e liquido seminale, parrebbe opportuno volgere l'attenzione ad un approccio funzionale mirato al rilassamento della muscolatura del perineo, eventualmente appoggiata da una terapia antidolorifica generica. Non le sarà difficile reperire in rete, anche su questo sito, molte indicazioni riguardo a questo atteggiamento nell'affrontare questi disturbi, tanto fastidiosi quanto comuni.

Saluti

Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve,
quindi mi consiglia di evitare l'assunzione dell'IPERTROFAN?
Questi esercizi posso farli da solo o mi consiglia uno specialista?
Grazie ancora.
[#3]
Dr. Paolo Piana Urologo 36.9k 1.7k 16
Gentile Giovanotto,
come le abbiamo già detto, i risultati di queste terapie sono molto variabili e possono essere giudicati in tempi certamente non troppo lunghi, quantificabili in un paio di mesi. La fisioterapia pelvica deve essere eseguita sotto stretto controllo specialistico fisiatrico.

Saluti
[#4]
dopo
Utente
Utente
Perfetto, vedrò di eseguire questi esercizi e di fare fioseterapia da uno specialista, se ha qualche consiglio da darmi sullo stile di vita non esiti a darmelo. Ho provato di tutto ormai e vorrei che finisse questa tortura. La ringrazio del tempo dedicatomi.
Cordiali saluti.