Utente 301XXX
Salve
Dall'inizio di febbraio soffro di un fastidio all'inguine sx. Ad esso è collegata la presenza di un linfonodo sensibile al tatto (poco meno di 1 cm di diametro).
Il fastidio si manifesta sia con fitte che scompaiono dopo pochi secondi (qualche volta associate a movimenti che faccio giocando a calcio o alla defecazione) sia con fastidio prolungato (non doloroso comunque).
Inoltre avverto che il fastidio arriva anche fino al testicolo sx.
Il mio medico che mi ha visitato a fine febbraio (effettuando anche una palpazione dei testicoli) mi ha detto di non preoccuparmi ma ormai sono 3 mesi che ho questo fastidio. Praticando calcio a 5 (una volta la sett.) ho pensato ad una pubalgia ma non so se è relazionata ai miei sintomi. Inoltre sono stato operato di crociato dx 5 anni fa e non cammino proprio benissimo. Palpandomi i testicoli mi sembra che le vene/epididimo del sx siano un po' più grandi del dx ma il medico aveva escluso variocele all'inizio. In ogni caso settimana prossima farò un ecografia della zona soggetta a tale fastidio.
Non ho avuto febbre ne altri sintomi (es. perdite di sangue ecc.).
Volevo solo chiedervi quali sono le possibilità e se si potrebbe scongiurare patologie molto gravi (pur sapendo che è un consulto on-line)

grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Giovanotto,
per intanto ci sentiremmo di tranquillizzarla poiché queste manifestazioni non sono certo tipiche di "patologie molto gravi". L'insorgenza sempre legata all'attivazione muscolare, compreso il ponzamento (defecazione) porterebbe a pensare ad una punta d'ernia, ovvero un'irritazione del nervo ileo-inguinale e delle sue ramificazioni. Anche questo non sarebbe così difficile da giustificare in chi gioca a calcio con una certa continuità. Meno probabile la causa testicolare, ma comunque è saggio eseguire l'ecografia. Se questa sarà negativa e la presenza dell'ernia esclusa, potrebbe essere una buona idea confrontarsi con un fisiatra/fisioterapista abituato a trattare con gli sportivi.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 301XXX

La ringrazio della celere risposta.
Vi farò sapere l'esito dell'ecografia.
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Utente 301XXX

L'esito dell'ecografia per fortuna non ha rilevato nulla di anomalo, ne' nella zona inguinale (non si ''vedevano'' linfonodi), ne' nel testicolo sx. Resta il dubbio sulla causa di queste fitte ma magari col tempo passeranno. Il medico che mi ha fatto l'ecografia mi ha suggerito di fare un migliore stretching prima dell'attività sportiva. Resta il fatto che questi dolori arrivano spesso senza motivo. L'ipotesi da lei suggerita forse può essere coerente col fatto che negli ultimi mesi ho sollevato delle bombole di azoto da solo.

Cordiali Saluti

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
a questo punto la causa dovrebbe proprio essere a livello della colonna vertebrale.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing