Utente 455XXX

Buongiorno oggi ho ritirato esame citologico su 3 campioni e riporto il referto :
negativo per carcinoma uroteliale di alto grado (nhguc).

Osservazioni citopatologiche:

  • modificazioni cellulari di natura reattiva
  • cellule infiammatorie
  • emazie

Premetto che circa 7 mesi prima fatto un esame citologico su un campione e l'esito del referto era cellule infiammatorie.

Vorrei sapere se devo preoccuparmi grazie.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
L'esame citologico viene eseguito per individuare eventuali cellule tumorali o comunque sospette. In questo caso la ricerca è stata negativa, compaiono solo cellule infiammatorie (quindi non maligne) la presenza deve essere messa inrelazione con la sua situazione attuale, sulla quale lei non ci fornisce alcun elemento di giudizio.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 455XXX

Si scusi allora mi è stato riscontrato una ipertrofia prostatica benigna 2 anni fa e più che prodotti naturali non ho preso uroberry 40 ho fatto una ecografia prostatica (prostata caratterizza da dimensioni aumentate diametri medi corrispondenti cc circa forma arrotondata con significativa impronta sul pavimento vescicale margini netti e parecchi ma ad ecostruttura disomogenea .non si dimostrano calci fica zio niente lobo medio pari a cc 22. I vasi peri- prostatico non sono dilatati. Nulla a carico delle vescicole seminari. Premetto che sono passati due anni e io ho sempre difficoltà a urinarie nel senso che non ho più il getto di pipi forte come se fosse strozzato per fare esempio se pratica un foro in una busta con del acqua e esce uno zampillo questo è il mio volume di getto grazie scusate l'ortografia

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Diciamo allora che questi esiti dell'eame istologico possono essere compatibili con una situazione come la sua. Evidentemente i "prodotti naturali" non sono sufficienti a darle vantaggio, sarà il caso di passare a qualcosa di più serio. Ne parli con il suo urologo di riferimento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing