Utente 448XXX
Buonasera
Vi scrivo in merito al mio problema sono incinta alla 25 settimana
Ho accusato dolore al rene destro e febbre per circa 4 giorni la settimana scorsa
Al p soccorso mi hanno sottoposto ad ecografia renale e hanno trovato una dilatazione al.rene destro di 1 cm e analisi delle urine con batteriuria e nitriti con valore +.mi avevano proposto l'utilizzo dello stent e ho rifiutato così
Mi hanno prescritto una cura di antibiotico amoxicillina e spasmex x 5 giorni. Il.dolore e la febbre sono passati.
Volevo chiedere se il.dolore potrebbe tornare a ripresentarsi con l avanzare della gravidanza?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La compressione dell'utero sulle alte vie urinarie può portare fisiologicamente ad un certo grado di dilatazione renale, in genere senza disturbi. Se i fastidi si presentano è perchè vi è qualche fattore complicante. L'infezione (pielonefrite) è una possibilità, ma abbastanza frequente è anche il passaggio di piccoli calcoli, spesso misconosciuti. L'ecografia come è noto stenta a rilevare piccoli calcoli lungo quasi tutto il decorso dell'uretere. In condizioni normali quando necessario si ricorre alla TAC, che in gravidanza ovviamente non è opportuna. Il da farsi viene in pratica dettato dall'evoluzione dei sintomi. Nel suo caso auspichiamo che tutto possa essersi risolto con,lamterapia effettuata, questo supporterbbe a posteriori l'ipotesi di una causa infettiva. Se i disturbi persistono e non si riesce ad individuare chiaramente la causa dell'ostruzione diventa necessario derivare in qualche modo le urine del rene dilatato. L'insermento di una endoprotesi ureterale (stent) è la soluzione più semplice, questo andrà poi tenuto fino al parto. Se invece si individua il calcolo, spesso è comunque possibile rimuoverlo per via endoscopica senza particolari problemi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 448XXX

Salve 10 giorni fa ho terminato la cura sembrava essere passato il dolore
Ieri è sopraggiunto il dolore con decimi di febbre.ho preso la prima bustina di monuril e tachipirina.non so se possa essere collegato a tutto questo anche episodi di dissenteria.
a giorni rifarò urine e urinocultura.
Come mai è tornato il dolore e la febbre?l'antibiotico nn ha fatto effetto?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La dissenteria è molto probabilmente un effetto collaterale dell'antibiotico. Per il resto, se il dolore persste, sopravvengono le indicazioni cui già le abbiamo parlato. Il suo ostetrico ed in nostro Collega urolgo dovranno confrontarsi sul da farsi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing