Utente 128XXX
Salve, qualche giorno fa mia moglie ha fatto l'urinocoltura ed è risultato positivo. Risulta alla voce sedimento "numerose cellule squamose, alcuni batteri", mentre dal rapporto grafico microbiologico l'organismo selezionato è l'Escherichia coli e tra i commenti risulta Carica batterica 1.000.000 U.F.C./ML. Siamo preoccupati questa volta! È possibile che prendendo Pentacolo 800 Mesalazina, possa aver aumentato la carica batterica o Vi è un'altra causa?
Spero in un vostro riscontro, e ringrazio chiunque mi aiuterà.
Cordiali saluti
Gaetano

[#1]  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
16% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2016
Caro utente,
no non è legata al farmaco ma molto più verosimilmente ad alterazioni dell'alvo (regolarità intestinale).
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com

[#2] dopo  
Utente 128XXX

Grazie Dottor Izzo.
Cosa suggerisce di fare?

[#3]  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
16% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2016
Suggerisco di curare l'infezione con terapia antibiotica mirata, associando terapia integrativa preventiva le recidive.
Ma soprattutto attuerei una serie di precauzioni al fine di regolarizzare la funzione intestinale.
Le linee guida del forum ci impediscono di prescrivere (giustamente) terapie farmacologiche, pertanto ha il solo scopo di orientamento del paziente. Il medico di riferimento deve essere, in primo luogo il medico di medicina generale, in secondo luogo, eventualmente, lo specialista.
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com

[#4]  
Dr. Diego Pozza

40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

una urinocoltura in una donna è sempre soggetta al rischio di inquinamento durante la raccolta. comunque la terapia che sta seguendo non può essere causa di contaminazione batterica.
se ci sono disturbi urinari senta il suo medico per una eventuale terapia sulla base dell'antibiogramma se, invece non sono presenti sintomi particolari, ripeta l'urinocoltura tra una ventina di giorni facendo attenzione alle modalità di raccolta del campione urinario
cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org