Utente 420XXX
Sono stato operato 1 anno fa di prostatectomia radicale robotica. Nonostante l'uso del VACUUM e il prendere CIALIS 20 mg. ogni tre giorni, la mia disfunzione erettile, e' totale. Ho letto recentemente dell'uso delle ONDE D'URTO come aiuto in casi di disfunzione erettile, ma volevo sapere se anche nel mio caso, potesse essere utile, provare in questo modo a migliorare il mio problema.
Volevo precisare che ho avuto un nerve sparing monolaterale. Ho provato anche con iniezioni cavernose, che pro' sono state dolorose e non prive di effetti collaterali.
Quindi sarei molto interessato a questa nuova notizia che ho letto.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
L'applicazione di onde d'urto a bassa potenza sui corpi cavernosi sta riscuotendo un certo successo per la terapia del deficit erettile e delle deformazioni da induratio penis plastica. La sua è una situazione abbastanza particolare però, in cui il deficit erettile non è insorto per motivi degenerativi (es. invecchiamento, diabete), ma per una precisa causa operativa. La causa quindi più complessa, cui contribuiscono fattori sia vascolari che neurologici. Pertanto dall'applicazone delle onde d'urto non è lecito attendersi risultati pari ad altre condizioni. Questo non vuol dire però che non valga la pena provare, anche considerando l'invasività praticamente nulla delle applicazioni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 420XXX

Potrei ancora sapere, se queste onde d'urto, per questa zona del corpo, vengono fatte solo in centri specializzati, oppure dove fanno comunque le onde d'urto solite. Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Purtroppo no, è necessario disporre dell'apparecchio a bassa potenza utilizzato abitualmente in ortopedia e l'operatore deve essere addestrato anche a questo utilizzo (peraltro abbastanza semplice). Pertanto vi sono poche strutture, perlopiù private, in grado di fornire questa prestazione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing