Utente 469XXX
Salve, ho 30 anni e già dal 2011 soffro di disturbi minzionali: difficoltà ad urinare, impellente bisogno di andare in bagno e flusso ridotto, oltre a deficit erettile.

Ho effettuato urodinamica con sospetta vescica iperattività, cistofrafia (ripetuta poi nel 2016) e cistoscopia, anche ecodoppler penieno. Mi hanno dato l'omnic per 3 mesi, andava meglio ma poi sospesa la cura è tornato come prima.
L'ecografia: vescica iperestesa, pareti ispessite e con margine irregolare da sforzo. Residuo di 200cc dopo minzione di 278cc con flusso massimo di 9ml/sec ottenuto con lo sforzo del torchio addominale. Prostata volume normale (14cc) presenta numerose calcificazioni centrali e la posizione periferica è omogenea con margini regolari. Vescicole dilatate diametro a.p. mm 15 a destra e 13 a sinistra. Esplorazione rettale :prostata simmetrica a superficie regolare, consistenza appena aumentata e senza noduli, poco dolente. Vescicole dolenti specie a sinistra, si effettua spremitura.
Dopo ulteriore minzione spontanea residuo di 130cc. Mi hanno dato bassado per 7 giorni, cialis 5mg per 10 giorni e topster per 10 giorni. Risultato quasi nullo.

Ora dicono che dovrei fare l'intervento chirurgico di incisione del collo vescicale con possibilità di eiaculazione retrograda. A 30 anni? Il mio urologo non mi ha dato alternative. Ho il morale a pezzi. Aiutatemi.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se l'ostruzione congenita del collo della vesica è in grado di mettere a repentaglio la funzionalità della vescica ed a lungo andare anche la stessa funzione dei reni, giunge ad un certo punto il momento in cui bisogna scendere ad un compromesso. Il mantenimento dell'eiaculazione normale è certamente importante, ma oggigiorno la fertilità può essere garantita per altre vie quindi non costituisce un fattore così insormintabile. D'altro canto, l'intervento disostruttivo non causa altre modificazioni significative della funzionalità sessuale (erezione, sensibilità).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 469XXX

Ma non c'è la possibilità di mantenere l'eiaculazione normale?
E perché parla di ostruzione congenita?
Grazie!

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Alla sua età una ostruzione del collo vescicale ha sicuramente una causa congenita, almeno come componente più importante. Altre alterazioni concomitanti, come una eventuale infiammazione della prostta possono al limite peggiorare marginalmente la situazione. Qualsiasi intervento diretto al collo vescicale o alla prostata che abbia lo scopo di migliorare il flusso dell'urina necessariamente riduce le possibilità di una normale eiaculazione verso l'esterno. Infatti durante l'eiaculazione il collo vescicale si contrae e si chiude in modo involontario. Se il collo viene in qualche modo allargato, questa chiusura potrebbe non essere più così completa ed efficiente. Come le abbiamo già scritto, la decisione sul da farsi è sempre frutto di un compromesso tra la necessità di liberare il flusso ed il desiderio di mantenere l'eiaculazione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 469XXX

Grazie per la risposta. Volevo farle un'altra domanda. È possibile che l'ipertono o comunque questa condizione in cui mi trovo determini anche una difficoltà erettile? Perché ho anche questo problema.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non vi è un nesso così diretto ed evidente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing