Utente 479XXX
Buongiorno Dottori
Io ho fatto un intervento di frenuloplastica il 31 Dicembre 2017. Il chirurgo mi ha prescritto antibiotico Keforal e ibuprofene 3 volte al giorno entrambi per 7 gg. inoltre mi ha detto di tenere il prepuzio scappellato e di ripresentarmi in clinica il giorno dopo.
Il giorno dopo la situazione era normale ma il chirurgo non ha provato ad alzare prepuzio per paura di strappare punti. Mi ha detto di farlo nelle seguenti 48h.
Col passare delle ore c'e' stata un edema del prepuzio. Ho chiamato il medico circa 30h dopo ultima visita e mi ha detto di provare ad alzare prepuzio in vasca da bagno con acqua tiepida. ho provato senza successo. 24h dopo questo evento mi sono presentato da lui in pronto soccorso. Lui ha costatato parafimosi ed ha cercato di alzare prepuzio nonostante edema era grossa. Il risultato e' stato riapertura ferita di operazione di circa 3 cm con dolore atroce. Alla fine si e' ritrovato che doveva ricucire ferita e ha tagliato anche prepuzio nella parte di sopra di circa 5 mm per poi ovviamente cucirlo. Ha lasciato il prepuzio alzato.
Mi ha prescritto di nuovo stesso antibiotico per un altra settimana e mi ha detto di fare medicazione tutte le volte che andavo in bagno con betadina, e successivamente crema bivacyn e bendare con garza sterile. Ho potuto scapellare soltanto 5 gg dopo. Ho eseguito tutto per una settimana. poi mi sono presentato di nuovo da lui. La ferita si era aperta di nuovo. Lui mi ha detto che ci sara riepitelizzazione ferita nei giorni a seguire. Io dovevo fare medicazione con solo betadina per una settimana, poi utilizare pomata cicatrizzante (cicatridina). Ho eseguito sua prescrizione ed ho rimosso i punti 10 gg fa. Ora il processo di riepitelizzazione procede, la ferita si sta chiudendo dalla periferia verso il centro pero noto alcune micro edeme nella periferia della ferita (potrebbe essere normale dalla vascolarizzazione area). Non posso tenere prepuzio abbasato perche senno inizia a ginfiarsi. Per quello tutte le volte che faccio medicazione inserisco un piccolo pezzo di garza tra pelle interna prepuzio e glande. Quello che mi preoccupa adesso oltre al prepuzio che si sta stringendo (per merito dei liquidi prodotti dalla ferita in cicatrizzazione, direi) e' una bollicina circa 3 mm che sembra diversa dalle altre edeme. Questa bollicina l'ho notata fin subito, dal primo giorno dopo l'operazione iniziale.
Mi tengo in contatto col medico il quale mi dice che e' tutto sotto controllo.
Scusandomi per aver scritto troppe righe ed aspettando una vostra risposta vi mando cordiali saluti!

[#1] dopo  
Aro signore una volta stabilizzata la situazione varrà assolutamente la penna prendere in considerazione una circoncisione. Per il momento tenga il pene alto fissato alla pancia con cerotto e borsa di ghiaccio
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 479XXX

Grazie mille Dott. Cavallini!
None mi è chiaro se devo tenerlo scappellato oppure no e se devo continuare medicazione con cicatridina.

[#3] dopo