Utente 451XXX
Buona sera
Ho letto qui riguardo i valori del Psa e di come siano da valutare in sede di visita urologica dato che di per sè non sono marker ma indicatori. Tuttavia, vorrei gentilmente porre la domanda seguente: il valore 4,7 in un uomo di 57 anni non è troppo basso, pur sopra i limiti, in assenza di sintomi, per destare serie preoccupazioni? Sono da raccomandare ulteriori accertamenti oltre alla visita?
Grazie in anticipo.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Purtroppo il PSA non è un buon marcatore tumorale, ma a tutt'oggi non è disponibile una valida alternativa. In particolare, è nelle piccole variazioni che la sua capacità di individuare od escludere un tumore lascia a desiderare. Qui interviene prima di tutto la sensibilità dello specialista, sia nel riconoscere eventuali fattori di rischio, sia di apprezzare eventuali variazioni sospette alla palpazione della prostata. Talora, se si sospetta la presenza di una modesta infiammazione in atto (che può aumentare i valori), si ripete l'esame dopo uno o più cicli di terapia antibiotica ed anti-infiammatoria. Se ancora persistono dei dubbi, si può passare alla risonanza magnetica multiparametrica. Tutto questo va ovviamente calibrato caso per caso, affidandosi al rpropio urologo di fiducia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 451XXX

Grazie per la risposta. Non disponendo spesso di un urologo di fiducia, ed essendo la valutazione di questi invece fondamentale, ci si trova in difficoltà e in dubbio.