Utente cancellato
Buongiorno,vorrei un vostro illustre parere.Lo scorso anno ho subìto la cistectomia radicale con confezionamento di neovescica.L'esame istologico ha evidenziato un carcinoma uroteliale Pt2aNO.Ho letto in rete che la prognosi in questi casi dovrebbe essere buona ma io continuo a temere che la malattia possa ripresentarsi o abbia potuto metastatizzare.Non ho fatto ulteriori terapie e ho dei bruciori nella zona vaginale che a volte si attenuano,altre si accentuano.Dalle ultime analisi non sono emerse infezioni.Grazie a chi mi risponderà.Ho 65 anni.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Lei ci sta scrivendo dal profilo di un maschio di 35 anni, che certamente non può riferire bruciori vaginali. Le racomandiamo di costituire un suo profilo personale, completo di tutti i dati e da quello riformulare la domanda.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
489762

dal 2018
Ho provveduto a modificare i dati con quelli di mia madre.Mi scusi per l'equivoco:avrei dovuto specificare che non stavamo scrivendo della mia storia personale.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'esame istologico depone per la presenza di un tumore superficiale (pTa), ci risulta difficile comprendere per quale motivo siano state poste indicazioni ad un intervento così radicale. Probabilmente vi è qualche ulteriore dettaglio che lei non riporta ed a noi sfugge. D'ogni modo,, dal punto di vista oncologico, certamente la prognosi dovrebbe essere molto buona, mentre invece sono giustificati tutti i disturbi più o meno direttamente legati all'intervento ed alla presenza di una derivazione urinaria. Sui sintomi riferiti è diffcile giudicare, nell'impossibilità di una valutazione diretta.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
489762

dal 2018
Gentile Dott. Piana,si tratta/trattava di un carcinoma uroteliale G3 infiltrante la parete superficiale della tonaca muscolare.Dimensione:1,2 cm.Sono stati esaminati 57 linfonodi indenni.Nessuna evidenza di tumore nell'utero,ovaie e negli annessi.Posso sperare in una guarigione o esiste la possibilità di una ripresa della malattia a distanza?Per quanto riguarda i bruciori vaginali,ho fatto un'ecografia a gennaio dalla quale risultava tutto in ordine.Nessuna infezione in corso dalle ultime analisi delle urine.La ringrazio.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ha ragione lei, ci scusi, ci è sfuggito il "T2a". Comunque si tratta di un tumore ad invasività limitata, la chirurgia è quasi sempre curativa dal punto di vista oncologico. I bruciori possono essere legati al sovvertimento neurologico sensitivo legato all'intervento, non è evidente che ci debba essere per forza una infezione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
489762

dal 2018
Io la ringrazio tantissimo per la sua disponibilità e pazienza.