Utente 303XXX
Buonasera. Mio padre è ricoverato in ospedale da 10 giorni. Diagnosi: tumore alla vescica probabilmente recidivale di un tumore avuto alla prostata 15 anni fa. Nel 2003 ebbe una nuova comparsa del tumore ad una gamba in forma limitata trattato con radioterapia. Fino all'ultimo episodio è stato bene tranne un'incontinenza urinaria limitata che è andata ad aumentare nell'ultimo mese. Si è aggiunta anche l'incontinenza a defecare. Dieci giorni fa è stato ricoverato per un blocco alle vie urinarie, durante il ricovero gli sono stati eseguiti di continuo lavaggi alla vescica e inserito il catetre. Nonostante tutto quasi una volta al giorno le urine si bloccano e devono eseguire dei dolorosi lavaggi che lo liberano da grumi di sangue che si formano. Quello che non capisco è perché sono 10 giorni che lo tengono così e non decidono di fare una cistoscopia e/o di intervenire chirurgicamente. Cosa possiamo chiedere ai medici che lo curano? Non possiamo neanche trasportarlo altrove in queste condizioni. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Lei non ci precisa se il tumore prostatico fu operato chirurgicamente o sottoposto a radioterapia. Le due situazioni potrebbero infatti preludere a scenari, percorsi diagnostici ed interpretazioni diverse. In ogni caso, il riscontro endoscopico è necessario, a meno che il sanguinamento sia così abbondante da precludere ogni possibilità di esplorazione visiva. Sui tempi di effettuazione di detti accertamenti ovviamente non possiamo esprimerci, poiché ogni struttura ha le propre disponibilità operative e - purtroppo - i suoi problemi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 303XXX

La ringrazio moltissimo della sua celere risposta. Mio padre, che ha 82 anni, fu operato chirurgicamente . L'ospedale non lo sottopone a cistoscopia perché a volte più a volte meno nelle urine c'è sanguinamento e loro ritengono che l'esame non si può eseguire. In realtà ho il dubbio che l'attesa sia dovuta ai ritardi ospedalieri.
Grazie ancora
Cordiali saluti