Utente 115XXX
Gent. Dottore, mio padre quasi novantenne è affetto da K vescicale non infiltrante ma con recidive ormai annuali. Volevo sapere se le ultime cure basate sull'immunoterapia potrebbero essergli d'aiuto e se queste, per un soggetto della sua età, hanno delle controindicazioni. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La classica immunoterapia con BCG non ha particolari controindicazioni anche nell'anziano, a meno che le condizioni generali siano molto scadenti o vi siano altre gravi malattie concomitanti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 115XXX

Gent.mo Dottore, negli ultimi tempi sento molto parlare entusiasticamente di immunoterapia nella cura del cancro, il trattamento con BCG mi risulta essere in uso da diversi anni e anzi pensavo venisse classificata come chemioterapia locale. Addirittura so di alcuni suoi colleghi che sconsigliano tale approccio terapeutico, in quanto ritengono che i risultati tra pazienti trattati e non trattati siano sovrapponibili anche in termini di prevenzione di recidive. Credo di intuire che lei non è dello stesso parere...(?)
Eventualmente, un trattamento con BCG può avere un effetti positivi anche in caso di K vescicale (non infiltrante) già conclamato e ai primi stadi?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'uso del BCG nei tumori superficiali della vescica è da considerare immunoterapia, poiché agisce sfruttando appunto le difese immunitarie. E' considerato un approccio terapeutico piuttosto aggressivo, pertanto da utilizzare nei tumori superficiiali di stadio T1 od al carcinoma in situ (CIS). Altri tipi di immunoterapia sul carcinoma vescicale sono al momento ancora da considerare sperimentali.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 115XXX

La ringrazio.