Utente 164XXX
salve a seguito di ematuria nelle urine ho effettuato analisi urine, cistoscopia, ecoaddome e tac con mdc.
La ecoaddome mia aveva tranquillizzata sulla presenza di una cisti e di un microcalcolo.
Il referto tac invece riporta queste parole:"Al rene destro presenza di calcolo radio opaco al giunto pielo ureterale avente diametro di 3,5mm con lieve ectasia della pelvi.In adiacenza al tratto terminale dell'uretere dx si apprezza minuta immagine radio opaca riferibile a flebolita (3mm); non evidente dilatazione dell'uretere a monte
il rene sx al terzo medio presenta immagine rotondeggiante con margini netti e diametro massimo di 18 mm con densità basale di tipo fluido e lieve incremento di densità dopo somministrazione di mdc.Tale reperto necessita di ulteriore accertamento ( RM con mdc endovena) per escludere l'eventuale improbabile natura neoformativa.
Nella norma i grossi vasi retroperitoneali senza segni di adenopatia. In sede annassiale dx formazione di tipo cistico con diametro di 12mm .Nella norma i restanti organi pelvici.Non lesioni strutturali a focolaio di tipo evolutivo ai segmenti ossei esaminati."
Mi spaventa quella formazione al rene sx. Di cosa si tratta? E' una cisti?
cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Si tratta molto probabilmente di una piccola e banale cisti, lo stesso radiologo fa riferimento a una "improbabile natura neoformativa". Ciononostante egli ritiene opportuno completare gli accertamenti con una ulteriore risonanza magnetica. Se la "curiosità" del radiologo sia da accontentare o meno lo deve decidere il suo urologo di riferimento, che la conosce bene ed ha la possibilità di valutare direttamente le immagini della TAC.
Altro discorso più importante riguarda il lato destro, dove sono stati riconosciuti due piccoli calcoli in transito lungo l'uretere. Le dimensioni rendono possibile una espulsione spontanea, che però andrà aiutata da una idonea terapia e seguita nel tempo con opportuni controlli ecografici. L'espulsione deve comunque completarsi entro un apio di mesi al massimo, posto che nel frattempo non si manifestino coliche importanti od altre complicazioni. Anche seguirla da questo punto di vista è compito del suo urologo di riferimento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 164XXX

La ringrazio dottore .Gentilissimo ed esaustivo

[#3] dopo  
Utente 164XXX

un dubbio dottore.La lieve captazione secondo lei a cosa è dovuta?

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La cisti ha comunque una parete che, seppur minima, avrà pure una sua vascolarizzazione e quindi assume il mezzo di contrasto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 164XXX

Grazie ancora