Utente 498XXX
Gentilissimi,

in seguito ad un rapporto protetto con la mia ragazza (soffre di problemi di lubrificazione), ho riscontrato una ferita particolarmente importante sul prepuzio (ca. 2 cm larghezza). La ferita ha fatto subito infezione data la presenza di pus.

In seguito a consulto con il mio medico di famiglia, ho utilizzato per circa una settimana crema a base di acido fusidico senza risultati. Dato che ho avuto anche febbre per due giorni il dottore mi ha prescritto antibiotico (flucoaxicillina 500mg x 4 volte al giorno) , ma dopo 4 giorni non vedo ancora segni di miglioramento. (la terapia e' 7 giorni)

Nonostante la ferita pare si stia lentamente rimarginando, continua a fuoriuscire molto pus da essa. Sto applicando solamente garze sterili e soluzione salina ma pare che il pus sia "bloccato" e continua a uscire da dentro la ferita.

Dovrei applicare qualcosa localmente? Inoltre data la zona alquanto delicata, e' difficile mantenere un bendaggio corretto tutto il giorno in quanto il prepuzio tende a ritrarsi su se stesso invece di rimanere scoperto: mi consigliate di lasciare il pene in posizione naturale senza nulla o di tenerlo retratto con una garza?

Aggiungo che non mi fa particolarmente male ma la zona e' gonfia, arrossata e con molta fuoriuscita di pus.


Grazie in anticipo per le risposte
Cordiali saluti

Gianni

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non è possibile esprimere un giudizio preciso non potendo valutare la situazione direttamente. Queste lesioni genitali possono avere una cicatrizzazione più lenta che altrove, inoltre non è chiaro se si tratti veramente di pus, ovvero solo di sierosità non infetta. Questo poichè le modalità con cui si è verificata la lesione ci paiono abbastanza protette da non rendere evidente il rischio di infezione. In sintesi, la situazione doverebbe essere rivalutata da un nostro Collega specialista in urologia, oppure da un dermatologo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 498XXX

La ringrazio per la gentile risposta. Purtroppo l'infezione è stata confermata dal medico di famiglia che mi ha prescritto l'antibiotico.
Il mio dubbio è: è possibile che la ferita si stia lentamente rimarginando (dopo due settimane) pur con delle tracce di pus all' interno?
Inoltre mi consiglia di tenere il prepuzio retratto coperto con delle garze sterili (ove possibile) o di lasciare il pene in posizione "naturale"(e quindi la ferita scoperta?)

Grazie infinite per la disponibilità
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Sostanzialmente faccia come può, poiché da quelle parti è molto difficile mantenere delle medicazioni stabili.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing