Utente 500XXX
buonasera, vi scrivo da un piccolo centro in provincia di Palermo per sottoporre alla vostra attenzione quanto dirò..lo scorso ottobre mio padre si sottoponeva a un abituale controllo del PSA dal quale risultava il valore di 8.
L'urologo specialista gli prescriveva pertanto una cura antibiotica di 10 giorni....ha ripetuto a dicembre l'esame e il valore era di 8.2.....lo stesso medico prescriveva la biopsia prostatica.
Dopo aver trascorso ore al telefono in cerca di una struttura ospedaliera sia pubblica che privata senza però la possibilità di eseguire tale esame in tempi brevi, abbiamo scelto quella che ci appariva come la migliore in termini di tempistica....3 MESI DI ATTESA....il 20 marzo 2018 si è sottoposto a tale esame....siamo arrivati ad oggi....2 LUGLIO 2018, ED ANCORA NON SIAMO VENUTI A CONOSCENZA DELL'ESITO!!
Ci era stato detto che in 20 giorni l questo esito sarebbe stato pronto, o al massimo, entro un mese, ma ad oggi in seguito alle ripetute telefonate di mio padre, continuano a rispondere che ci sono purtroppo dei RITARDI! Quello che desidero sapere è l'attendibilità del risultato dopo tutti questi mesi di attesa snervante ed inspiegabile! È il caso di ripetere l'esame (e sicuramente non in Sicilia) o posso fidarmi dell'esito, se mai arriverà? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Alberto Macchi

20% attività
12% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2018
Gentile Utente, per il tipo di preparazioni che vengono effettuate sui campioni biologici-istologici (formalina...) i pezzi possono essere valutati anche a distanza di anni. Per tale motivo non è necessario ripetere l'esame, in ogni caso risolleciterei la risposta magari recandosi anche in loco. 3 mesi di attesa per un istologico non sono normali ma non conosco la situazione amministrativa che si trova ad affrontare l'ospedale in cui ha eseguito la biopsia. Cordialmente.
Dr. Alberto Macchi

[#2] dopo  
Utente 500XXX

La ringrazio della delucidazione, distinti saluti.

[#3] dopo  
Utente 500XXX

Gent.mo Dott.Macchi, oggi abbiamo ritirato il tanto atteso esito, dal quale si evince che sono stati esaminati sei punti e cinque di questi sono definiti frustoli filiformi grigiastri esenti da neoplasia....uno di essi è invece sede di proliferazione microacinare atipica sospetta, ASAP.....detto questo, desidererei il suo parere sui prossimi esami da effettuare considerando che parliamo di una biopsia eseguita a marzo. La ringrazio sempre