Utente 495XXX
Gentili Dottori,

15 giorni fa dopo un ecografia addominale, mi è stata riscontrata una massa al surrene sx, con il seguente
respondo

In corrispondenza del polo superiore del rene sx si osserva grossolana formazione poliboata esofitica.
delle dimensioni di 12 cm circa,sospetta per la natura eteroformativa.
Necessario approfondimento con tac.

Aorta, vescica normali, fegato dimensioni nei limiti ed indenne da lesioni focali
Non tumefazioni in sede utero annessiale
Non liquido libero in addome.

Di seguito eseguo tac

Nelle stazioni linfoghiandolari ilo mediastiniche non evidenti linfonodi ingranditii.
Fegato volumetricamente nei limiti, con profilo della della glissoniana netto, tessitura parechimenale omogenea.

Le vie biliari non dilatate, la colecisti in sede, normoconformata senza calcoli.

Milza normale. Non segni di versamento libero in cavita peritoneale.

Asse spleno portale pevio.

Il pancreas appare disociato anteriormente da voluminosa formazione solida localizzata nello spazio sovra renale sx.

In questa sede voluminosa formazione solida, con impregnazione contrastofica disomogenea in fase precoce, con aree centrali ipodense colloquiate.
La lesione prende stretto contatto con polo superiore del rene di sx deformato, peraltro con spessore corticale mantenuto
e opacizzato in maniera omogenea.
Il rene di sx presenta spessore cortico midollare conservato. effetto nefrografico pronto,intenso.
Rene sn regolare sotto il profilo morfologico.

Vescica distesa senza contenuto patologico. Varicocele pelvico
Normale il decorso e il calibro del tratto addominale dell aorta e dei vasi iliaco vemorali
Non evidenti lesioni scheletriche a focolaio.

Conclusioni

Formazione solida necrotica neoplastica sovra renale di circa 10 cm di maggior diametro.
Utili ulteriori approfondimenti dignostici al fine di definire l origine renale o surrenale.

Ho effettuato la visita all IEO e l urologo dopo aver stabilito l origine surrenatica, mi ha prescritto esami ematici delle catecolamine. l esito di tali esami e il seguente

ADRENALINA 19 ng/l 10-196
NORADRENALINA 360 ng/L 70-520

Ora sono in attesa di effettuare la biopsia.

Purtroppo i medici non mi hanno ancora comunicato quale potrebbe essere la natura della massa, anche se navigando in internet
non mi lascia grandi dubbi.
So che la mia domanda potrebbe essere scontata. Sarebbe possibile che la natura di questa massa possa essere benigna

Vi ringrazio anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La biopsia viene eseguita appunto per potersi meglio orientare, in previsione comunque di un assai probabile intevento di rimozione della massa (verosimilmente in laparoscopia). E' possibile comunque che solo sul pezzo operatorio definitivo si potrà esprimenre un giudizio di assoluta sicurezza. In questa fase fare delle ipotesi non ha alcuna utilità.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 495XXX

Gentile Dott. Piana,

la ringrazio per la risposta, immaginavo non fosse possibile esprimere un
parere solo con le informazioni che le ho dato.

Ora però è questa, se solo sul pezzo operatorio si potra definire con certezza la natura, perchè eseguire prima una
biopsia?

Grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Perché il risultato potrebbe spingere, o meno, ad accertamenti aggiuntivi o ad una tecnica chirurgica diversa.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 495XXX

Gentile Dott. Piana,

riporto esito biopsia effettuata al surrene sx.

Frustoli di neoplasia a cellule epiteliodi, prevalentemente ossifile, con moderato pleomorfismo nucleare
Numero di mitosi per 50 HPF :5

Immunofenotopio della popolazione neoplasticaa: Positivo citocheratine AE1/AE3, citocheratina 7, calretinina, inibina, vimentiina, Malan-A e sinaptofisina; Negativo per PAX-8, TTF-1 e cromogranina.
I reeprti morfologici ed immunofenotopici sono maggiormente compatibile con lesione di pertinenza corticosurrenalica.

Sarebbe cosi' cortese da spiagarmi in parole povere il significato

La rinagrazio

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il risultato della biopsia ci conferma che questa ghiandola surrenale deve comunque essere rimossa. Il tipo di tumore sarà verosimilmente meglio precisato con l'esame istologico definitivo effettuato sulla ghiandola interamente asportata. Oggigiorno questi interventi vengono brillantemente eseguiti in laparoscopia o retro-peritoneoscopia con invasività ridotta ed ottimi risultati.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 495XXX

Gentile Dott Piana,
inanzi tutto la ringrazio per la risposta alla mia precedente domanda.
Ora purtroppo dopo l incoraggiante esito della biopsia a seguito di una tac toracica è emerso trascrivo esito: 2 lesioni bilaterale parechimali polmonari sospette in senso secondarie, la maggiore di 25 mm ( imm79 se 2) vs 21 mm
Non si evidenziano linfoadenomegalie in sede ilo-mediastinica.
No versamento pleuro pericardio.
Dottore ora sono davvero molto preoccupata, cosa mi aspetta?
Grazie

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La situazionw merita a questo punto un consulto collegiale tra l'urologo e l'oncologo medico. E' probabile che venga richiesta una PET per approfondire la situazione polmonare. Talora vi sono indicazioni a rimuovere comunque il surrene, anche in presenza di sospette lesioni secondarie.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 495XXX

Gentile Dott Piana,
la ringrazio per la tempestività nel rispondere.
In merito da lei indicato purtroppo la struttura IEO di Milano mi comunica che non sono jn grado di trattare la mia patologia e mi consigliano di recarmi in un'altra struttura.
Io non so dove potermi rivolgere, vivo a Milano.
Lei potrebbe consigliarmi a chi rivolgermi?
Grazie ancora

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In effetti ci stupisce che un centro di questa levatura non si faccia carico del suo problema. Diremmo che però nella sua città non manchino le alternative, a partire dai noti centri di Segrate e Rozzano, solo per fare un esempio.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 495XXX

Gentile Dott. Piana,

non le dico il mio stupore quando me lo hanno comunicato, dopo 2 mesi di indagini diagnostiche mi sono sentita " scaricata" da un grande centro come lo IEO.
Grazie per le informazioni, anch io nel frattempo mi sono informata con varie telefonate e a Rozzano mi hanno accettato, dopo ferragosto finalmente potro iniziare il mio iter terapeutico
Cordiali Saluti