Utente 515XXX
Buonasera.

Ho 56 anni e il 27 Novembre son stato sottoposto a una TURV per una neoformazione in vescica di 6mm (asintomatica e rilevata con ecografia per controllo ai reni e in vescica per pregressa calcolosi).

L’esame istologico recita:
Descrizione microscopica.
Frammento di mucosa e sottomucosa vscicale quasi completamente disepitelizzato, con angiectasie e lieve infiammazione cronica stromali; ove focalmente osservabile la mucosa non presenta neoplasia e mostra accennati aspetti iperplastici; sono presenti due minime micro-digitazioni di tessuto stromale, completamente disepitelizzate.
Diagnosi:
Biopsia vescica
E: mucosa in gran parte disepitelizzata, non evidenziabile neoplasia

Il 14 Dicembre ho fatto una prima visita di controllo dove mi han dato ancora 5 gg di terapia antibiotica Tavamic 500 insieme a Uticran per un mese. A Marzo/Aprile mi han detto di tornare a fare una visita ambulatoriale.

Volevo capire qualcosa di più su cosa si tratta e il tipo di evoluzione che c’è da aspettarsi.
Grazie in anticipo per le risposte.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non si tratta di una neoformazione, ma solo di n aspetto di vescica infiammata e un poco "rigonfia" cosa che alll'ecografia può simulare una lesione sospetta. Giusto comunque andare a controllare ed eseguire la biopsia, che esclude la presenza di tumore. Immaginiamo le siano stati prescritti controlli a medi/lungo termine con ecografia ed esame delle urine.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 515XXX

Grazie Dottore per la precisa e rapida risposta.
Confermo che mi hanno prescritto un primo controllo a Marzo e i prossimi in data da definirsi.
E' stato proprio un controllo ecografico a rilevare una "formazione" di circa 4mm in vescica che l'anno precedente non era presente.
Mi domando: con questa diagnosi è sufficente un controllo periodico ecografico o bisogna fare la più invasiva endoscopia ?

Grazie ancora e buone feste.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In linea di massima, i controlli endoscopici periodici programmati vengono eseguiti solo in caso di precedente riscontro di neoplasia, per 5 aanni circa in assenza di recidive.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 515XXX

Grazie Dottore.

La mia esperienza, sebbene con esito istologico per il momento positivo, è quella comunque di aver sofferto le 18h post operatorie prima che mi sia stato tolto il catetere. Ogni 30 minuti infatti avevo spasmi come se volessi espellere il "corpo estraneo" (catetere) mentre in effetti lui faceva la sua funzione e l'urina che usciva era chiara e di volumi sempre nella norma.

Oggi, a un mese dall'intervento sto soffrendo ancora di fastidi in zona pelvica ma soprattutto l'eiaculazione non avviene o avviene male (retrogada?).

E' normale?
Quali consigli si sente di dare?
Grazie ancora.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Quelle che ci riferisce sono conseguenze abbastanza comuni degli interventi endoscopici, ma nel suo caso, vista la negatività dell'esame istologico, è difficile che debbano essere ripetuti in futuro.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing