Utente 451XXX
Salve una settimana fa sono stata sottoposta a RIRS per la frantumazione di un calcolo di 8 mm nell'uretere sinistro. Ne ho anche un altro di 11 mm nel bacinetto renale e il dott. ha cercato durante lo stesso intervento di frantumare anche quello. Purtroppo l'uretere non era compiacente per cui alla fine mi ritrovo con due stent uno a sinistra e quello a destra che servirà per permettere un nuovo intervento fra un mese. L'urologo mi ha spiegato bene quali sintomi potesse arrecare la presenza di un corpo estraneo e ad essere sincera ho solo dei leggeri fastidi fortunatamente. Più che altro avverto la continua sensazione di dover andare in bagno e ho una minzione frequente. Da ieri ho notato un leggero senso di bruciore ma davvero leggero che immagino sia anch'esso causato dal doppio stent. Ora la mia domanda è questa. Che tipo di sintomi dovrei avvisare se lo stent dovesse spostarsi e magari scendere in vescica? So che la mia è una domanda piuttosto sciocca, essendo un'eventualita' remota ma da buona ansiosa vorrei tranquillizarmi. Inoltre vorrei aggiungere che bevendo circa 2 litri di acqua al giorno le mie urine attualmente a parte i primi due giorni dopo l'intervento sono praticamente trasparenti. Grazie mille per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Due stent inseriti costituiscono certamente una situazione piuttosto impegnativa e se lei non avverte particolari disturbi, tanto meglio! La possibilità che gli stent correttamente inseriti si spostino è assai remota, comunque la circostanza causerebbe certamente una accentuazione dei disturbi vescicali e molto probabilmente la comparsa di dolore renale a tipo colica. Non ci pensi troppo,
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 451XXX

Grazie mille per la sua attenzione e risposta dott. Purtroppo sono di natura ansiosa pertanto penso sempre al peggio. Immaginavo che 2 stent interni potessero darmi noia e mi ritengo fortunata nell'aver come unico disagio la minzione frequente e la sensazione di dover sempre andare in bagno piuttosto che dolori che molti lamento. Lei mi ha tranquillizzato sulla mia paura che gli stent potessero essersi mossi e nn ci penserò più. Grazie mille ancora

[#3] dopo  
Utente 451XXX

Salve mi ritrovo qui a distanza di tempo dal primo consulto per chiederne un altro ed esser tranquillizzata se possibile. Dopo aver mantenuto uno stent per un mese al fine di rendere più compiacente l'uretere per eliminare tramite RIRS un calcololo di 11mm nel bacinetto renale dx, durante l'intervento il dott non riesce comunque ad arrivare al calcolo spiegandomi che per conformazione la parte alta del mio uretere è stretta e diciamo tortuosa. Onde evitare di forzare troppo avendo fatto già svariati tentativi decide di mantenere uno Stent a lunga permanenza. Questo perché a fine mese devo iniziare la terapia ormonale e ad ottobre la fivet. Mi dice che per non avere problemi in gravidanza lo stent è la soluzione migliore avendo un calcolo di 11 mm che potrebbe muoversi e darmi coliche. Mi rassicura dicendo che potrò portarlo per tutta la gravidanza senza avere problemi e poi successivamente vedremo il da farsi. Ora vorrei capire se effettivamente le due cose sono compatibili e se uno Stent tenuto su per tutti i 9 mesi sia fattibile e non dia luogo a problematiche. Finora ne ho tenuti su 2 di stent, come si legge nel mio primo consulto e nn mi hanno dato grandi noie se non a livello vescicale ogni tanto. Ma dovendo affrontare un'inseminazione e venendo da una GEU con asportazione tuba vorrei godermi questo momento con molta tranquillità ed è per questo che sono qui a chiedere un parere professionale. Mi scuso per la lunghezza del messaggio e confido in una risposta. Grazie

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Molto francamente pensiamo che sia il caso di risolvere la situazione renale prima di intraprendere una gravidanza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing