Utente 520XXX
Gent. Dottori, ho ricevuto la diagnosi di neoplasia alla vescica e devo operarmi.. Siate gentili per favore nell'espormi tutto l'iter del percorso, sono un soggetto sofferente fobico non ce la faccio.. Gli esami da fare sono invasivi? L operazione e il dopo quali e in che percentuale sono i rischi? E l esito finale quante probabilità ho di non avere la spada di Damocle sul collo? Non ce la possibilit di altro per non operarmi? Come la radioterapia? Per favore so che le domande per voi possono risultare scontate ma siate comprensivi e chiari. Grazie infinite.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
E' altrettanto scontato che se lei non ci fornisce almeno qualche dettaglio in più noi non potremo mai giudicare la sua situazione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 520XXX

Gentilissimo nel rispondermi Dottore..fatta una ecografia alla vescica mi hanno detto di operarmi per neoplasia alla vescica. Non riesco a decidere nel farlo..e se invece dell intervento ci sono altre possibilita di curarmi.. Ho spiegato che vado in panico e ho terrore. Gli esami sono invasivi? Io vorrei evitare l operazione, ho avuto per un bel po sangue nelle urine e ho fatto l'ecografia, a riferimento dei dettagli ce questo soltanto

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il riscontro ecografico di una neoformazione vescicale necessita ovviamente del controllo endoscopico (cistoscopia), cui generalmente segue la contestuale rimozione per elettro-resezione.. Sul materiale asportato si esegue l'esame istologico, in base al quale si definisce il successivo percorso terapeutico. In taluni casi gli accertamenti vanno completati con la TAC dell'addome, eseguita prima o dopo l'intervento. Si tratta comunque di un intervento endoscopico, eseguito in anestesia periferica e perlopiù in regime di ospedalizzazione diurna (dipende dalle strutture). Quindi nulla da temere così tanto.
Non vi sono alternative terapeutiche praticabili. Se lei è un fumatore, dovrà senz'altro smettere immediatamente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 520XXX

Grazie dr Piana, capisco che questo iter.. Il percorso.. Ho tanta paura degli esami e poi dell'intervento.. Ho terrore non riesco.. Che consiglio puo darmi per questo mio stato.. Posso chiedere a chi mi deve seguire di fare qualcosa in piu per arginare l angoscia e evitarmi dolore fisico nel percorso per favore? Grazie gentilissimo.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Le sue ansie ci paiono francamente esagerate, comunque il suo medico curante potrà eventualmente prescriverle qualche cosa che la aiuti a superare meglio emotivamente questa situazione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing