Utente 517XXX
Buonasera, vorrei un vostro parere su queste 2 tac eseguite in momenti diversi per un confronto, cosa possiamo dedurre?

data 23.04.2018
anno di nascita 1949

TC TORACE+ADDOME senza e con mdc ev
Esame eseguito in volumetrica, con tecnica trifasica, visualizzato al monitor a strato sottile, richiesto per
comptetemento diagnostico di esame ETG.

A carico del RENE DESTRO, si conferma la presenza di formazione espansiva di mm22, prevalentemente
esofitica al terzo inferiore, versante esterno, che appare disomogeneamente iperdensa in condizioni basai i e
mostra puntiforme e fugace presa di contrasto in fase arteriosa nella sua porzione più esterna, permanendo di
densità disomogenea nelle successive fasi vascolari; l'aspetto è quello di una "cisti complex" (eteroplasia), con
sottili setti interni vascolarizzati. Si consiglia valutazione specialistica.
Non apprezzabili tumefazioni adenopatiche al mediastino e in retroperitoneale.
Non noduli polmonari, non versamenti pleurici. _ _ _
FEGATO normale per dimensioni, contorni e densità, senza evidenti lesioni focali a significato patologico.
Regolari l'asse splenoportale e le vene sovra-epatiche.
COLECISTI a pareti di spessore regolare, a contenuto omogeneo, senza apprezzabili calcoli a densità calcica.
Non dilatate le vie biliari intra- ed extra-epatiche.
Per il resto, RENI in sede, normali per dimensioni e quota parenchimale, senza segni di idronefrosi; evidenza di
altre piccole formazioni di tipo cistico parenchimale, bilateralmente.
PANCREAS, MILZA e SURRENI nei limiti della norma; milza accessoria di mm15.
VESCICA a pareti di normale spessore, a regolare contenuto.
PROST AT A modicamente megalica, a densità omogenea.
Diverticoli al sigma.
Non versamenti liberi endoaddominali.
Piccola formazione osteolitica di tipo cistico di mm9x7 al versante anteriore del soma di C6.

---------------------------------------------------------------

questa era la prima diagnosi della tac .... c'è la seconda parte, ma supera i caratteri disponibili, posso allegarla dopo.

ci sono variazioni?
si deve intervenire in modo chirurgico o come?
è comunque regolare?

purtroppo mio padre non ha pensato di chiedere al medico della Tc informazioni.

Grazie mille per il vostro aiuto

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il radiologo non può nè deve dare indicazioni, che sono di esclusiva è pertineza dello specialsita in urologia. La diagnosi di un piccolo tumore renale pare abbastanza chiara, se è stato chiesto un controllo nel tempo è per valutarne la tendenza all'ingrandimento. Non sappiamo se questo sia avvenuto o meno. d'ogni modo le indicazioni chirurgiche (ovvero laparoscopiche) dipendono proprio da questo tipo di evoluzione e dalle condizioni generale del paziente (età avanzata? presenza di altri problemi di salute?). Non si tratta comunque di una decisione assolutamente urgente ed è meglio meditarla con attenzione, pur trattandosi di un intervento non eccessivamente invasivo, ma comunque significativo per una persona anziana.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing