Utente 378XXX
Buonasera, sono una ragazza di 23 anni e assumo regolarmente pillola yaz da all’incirca un anno e mezzo.
A novembre ho effettuato un pap test per delle perdite marroni e il risultato venuto fuori era negativo.
Il mese scorso ho avuto un ciclo breve, 2 giorni e con flusso scarso(dovevo cambiare massimo 2 assorbenti al giorno).
Oggi sono al 13esimo giorno e ho notato di avere da 2 giorni delle perdite mucose marroncini/rosastre che ritrovo prevalentemente sulla carta igienica dopo avere urinato..e ho notato che ogni volta che defeco le perdite sulla carta igienica sembrano essere maggiori..non so se possa essere collegato il tutto, ma secondo voi di cosa potrebbe trattarsi? Di un problema ginecologico o urologico? Non ho altri particolari sintomi a parte un po di bruciore e leggera tensione ai reni..

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La situazione parrebbe più probabilmente di interesse ginecologico, d'ogni modo già un semplice esame delle urine può fornire importanti elementi di giudizio.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 378XXX

Va bene dottore, farò comunque un’analisi delle urine..specifico però che a novembre ho fatto un pap test con risultato negativo per questo avevo pensato più che altro ad un problema urologico...dopo una settimana di quelle perdite si sono interrotte e adesso non le ho più...ma secondo lei come mai si presentavano dopo(scusi il termine)la defecazione?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il defecare comporta ovviamente un aumento della pressione addominale (ponzamento), che può indurre la perdita di altri liquidi organici. Le perdite di urina sono possibili, ma difficilmente inavvertite, poiché protette in qualche modo dai meccanismi della continenza. Non così le secrezioni che provengono dall'utero. Si tratta comunque solo di supposizioni di carattere generale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing