Utente 523XXX
Gentili dottori,
sono qui a chiedere un consulto sulla mia situazione urologica.
Sono stato operato circa dieci anni fa di TUIP per sclerosi del collo vescicale, due volte in meno di un anno.
Nessuno dei due interventi ha migliorato il flusso urinario o i miei disturbi (stranguria, tenesmo vescicale, bruciore uretrale, ecc.).
Ho tirato avanti in questi dieci anni tra alti e bassi finché un riaccendersi della sintomatologia mi ha portato ad un controllo urologico dove si è evidenziato un peggioramento della situazione avvalorato da diverse flussometrie (flusso massimo 9, precedentemente era di 15) e un RPM di circa 60 (prima era pressoché assente). Ora mi viene proposto un intervento di turp. Ho però un grandissimo dubbio.
Tra il primo ed il secondo intervento, quindi 10 anni fa, effettuai una urodinamica con questo esito:
flusso massimo di circa 4 ml/sec
pressione destrusoriale al flusso massimo di 31 cm H2O
Flusso medio 2ml/s
Vol mitto 207
Vol res 200
Il referto recita "destrusore normosensibile in vescia di normali capacità e compliance. Assente iperattività destrusionale. Il quadro urodinamico depone per ostruzione infravescicale."
Leggendo i valori mi sembra di avere una vescica ipotonica.
Oggi ho ripetuto l'urodinamica, a giorni avrò il referto ma mi hanno anticipato che la situazione non è di molto cambiata rispetto alla precedente urodinamica (che ho portato in visione).
Secondo voi ha senso operare di Turp con un simile quadro urodinamico? E' corretta la mia interpretazione di vescica ipotonica rispetto ai valori riportati?
Grazie a chi vorrà rispondere.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se l'indagine urodinamica evdenzia chiaramente una ostruzione, essa dovrebbe essere in qualche modo rimossa (TURP o simili) per evitare che a lungo andare la vescica si sfianchi e diventi davvero ipotonica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 523XXX

Gentile dott. Piana. Grazie per la risposta, ho il referto della nuova urodinamica. Mitto disurico con Pdet di apertura 21 cmH2O, Pdet al flusso massimo di 17 cmH2O e Pdet max di 22 cmH2O. Vvoid 179, Qmax 5,1 MLS. Rpm 400. Subito dopo rimozione catetere minzione spontanea con residuo 150. Regolare l attività del piano perianale durante la fase cistomestrica e minzonale. L esame depone per lieve istruzione cervico uretrale con ipocontrattilità destruzionale. Relativa.
Aggiungo che prima della urodinamica ho fatto una flussometria con flusso massimo 12,9 MLS flusso medio 6,2 volume svuotato 323, residuo 70.
Secondo lei in questa situazione posso trarre beneficio da una turp a livello sintomatologico e per migliorare lo svuotamento vescicale?
La ringrazio tantissimo per la risposte che mi ha dato e per quella che vorrà darmi.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come abbiamo già scritto, è meglio dare una buona disostruzione endoscopica (TURP od altro) prima che l'ipocontrattilità peggiori ulteriormente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing