Utente 526XXX
Salve sono un ragazzo,preciso che ho avuto diversi rapporti non protetti con ragazze nell'ultimo periodo.. tre settimane fa ho iniziato ad avere delle fuoriuscite dal glande di color biancastro, giallastro e poi successivamente trasparenti e le ghiandole nella zona inguinale sia destra che sinistra molto gonfie e doloranti.
Ho contattato subito il mio medico curante che mi ha prescritto ciprofloxacina da 500 per 10gg.
finita la terapia non ho avuto nessun sintomo e fuoriuscita per un paio di giorni ma ad oggi Il problema si è ripresentato di nuovo fuoriuscite biancastre e ghiandole gonfie.
Oggi ho fatto presso laboratorio urine, urinocoltura, antibiogramma,spermiocultura e analisi del sangue.
Cosa potrebbe essere? In seguito a queste analisi avrò un quadro specifico della situazione? Attendo risposte non nascondo che sono abbastanza preoccupato.
Grazie buona giornata

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Si tratta quasi certamente di una uretrite florida, con secrezione. Da quanto ci riferisce è difficile pensare ad una gonorrea, più facile una infezione da clmidia. Comunque gli esami in corso ci forniranno una risposta precisa e verosimilmente anche una indicazione su quale antibiotico sia meglio utilizzare. Sarebbe comunque assai opportuno che la situazione venisse gestita direttamente da un nostro Collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 526XXX

Buonasera Grazie per la risposta,ho ritirato le analisi compreso il tampone uretrale che risulta positivo.
Staphilococcus lugdunensis
Urinocoltura negativa
Spermiocultura negativa
Colesterolo 236
Questo batterio si sconfigge facilmente con una cura antibiotica efficace?
Le fuoriuscite dal glande e i noduli inguinali gonfi sono dovuti a questo batterio?
L'urinocultura come mai risulta negativa?
È preoccupante come batterio?vorrei avere più info possibili
Grazie buona serata

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La presenza di secrezione uretrale attiva è l’unica condizione in cui il tampone uretrale è veramente credibile. Dovrebbe essere stato eseguito anche un antibiogramma che aiuterà a scegliere l’antibiotico adatto. L’urocoltura è tipicamente negativa nelle uretriti, poiché il flusso urinario atteaversa troppo velocemente l’uretra per potersi caricare dei batteri qui residenti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 526XXX

Buongiorno la ringrazio e le faccio vedere il risultato dell'antibiogramma.
Organismo: stafilococco lugdunensis
-cefoxitina screening positivo +
-benzilpenicillia >=0,5 R
-oxacillina >=4 R
-gentamicina. <=0,5 S
-levofloxacina >=8 R
-resistenza inducibile alla clindamicina Positivo +
-clindamicina 0,25 R
-linezolid 2 S
-daptomicina 0,5. S
-teicoplanina. 16. R
-vancomicina 2. S
-tetraciclina. >=16 R
-tigeciclina <=0,12 S
-acido fusidico. >=32 R
-rifampicina <=0,03 S
-trimetoprim/sulfametossazolo 40 S
Ho effettuato una visita da un urologo
Mi ha prescritto gentamicina fiale intramuscolare due volte al giorno per 7 GG.
Ho effettuato fiale per 4 giorni pieni mattina e sera ma la situazione sembra peggiorare,le fuoriuscite dall'uretra sono aumentate peggio di prima.È normale questa cosa? È la terapia giusta? Attendo valutazioni grazie ancora buona giornata

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'antibiotico è elencato tra quelli teoricamente attivi. Se il risultato non è soddisfacente lo segnali subito al nostro Collega.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 526XXX

Dottore ma potrebbe essere che questo antibiotico non sia efficace e che ci vorrebbe uno più forte?
Questo batterio c'è possibilità che si sposti in altre zone del corpo?
Grazie ancora

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La gentamicina è un antibiotico molto potente, ovviamente è necessario attendere qualche giorno per valutarne la reale efficacia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 526XXX

Se non sconfitto velocemente c'è possibilità che questo batterio attacchi altre parti del corpo?

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non impossibile, ma estremamente improbabile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 526XXX

Buongiorno dottore gentamicina non mi ha fatto nulla.
Il problema è sempre presente, inoltre si è gonfiata molto una ghiandola dietro all'orecchio e mi crea delle fitte all'interno.
Mi sono rivolto ad un infettivologo ho effettuato test HIV, sifilide, gonorrea tutti negativi,sono in attesa del test della clamydia.
Continuo ad avere secrezioni dall'uretra e ghiandole inguinali gonfie.
La ghiandola dietro all'orecchio cosa potrebbe essere? preciso che non ho mai avute.
Grazie buona giornata

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come abbiamo già scritto, l'antibiotico può decapitare l'infezione, ma lo stato infiammatorio può persistere ancora anche a lungo. Questo nell'epididimo è forse più comune che altrove per la particolare delicatezza della struttura anatomica. Buona l'idea di far riferimento ad un infettivologo, piuttosto che pasticciare oltre con gli antibiotici. Purtoppo a distanza e nell'impossibilità di un riscontro diretto non è possibile dire molto di più.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente 526XXX

La ringrazio,mentre per quanto riguarda la ghiandola dietro l'orecchio, è gonfia a causa dell'infezione in circolo?
Devo fare ulteriori accertamenti?
Grazie

[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
E' difficile pensare ad un collegamento diretto e comunque esula dalle nostre competenze. Qualcosa in più le saprà certamente dire l'infettivologo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente 526XXX

Salve dottore ho ritirato il test per la chlamydia trachimatis ..
Controllo adeguatezza campione : ok
Esito : positiva ( sierotipo d-k)
Cosa significa?
Non doveva essere presente anche l'antibiogramma?
Grazie ,buona giornata

[#15] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Questo esame dimostra che vi è stato un contatto con la Clamidia, però è difficile dire se l'infezione sia ancora in atto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing