Utente 518XXX
Buonasera, ho 59 anni, da poco tempo ho scoperto di avere nel rene dx un grosso calcolo a stampo che ha seriamente compromesso la funzionalità del rene e a sx un calcolo di circa 1,7 cm.
Su consiglio di urologi dell'ospedale regionale , dopo aver fatto la tac con m.d.c. ho fatto anche la scintigrafia per valutare la funzionalità renale:
"Funzione renale ridotta e sostenuta prevalentemente dal rene sx (GFR=62.52 ml/min; 45.77 a sinistra e 16.75 a destra).
Rene sinistro in sede, di dimensioni normali e con normale fase vascolare e regolare transito cortico-midollare dell'indicatore. Modesti ristagni calicopielici.
Rene destro di dimensioni conservate, con funzione depressa e limitata solamente alla metà inferiore, curva radionefrografica a plateau."
Con tale risposta posso sperare in un intervento che possano salvare la parte sana del rene dx togliendo il calcolo?
Ringrazio anticipatamente per la risposta

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non ci fornisce notizie sulle dimensioni di codesto calcolo del rene destro e comunque è difficile esprimersi non potendo valutare le immagini. Questo per decidere quale tipo di intervento sia più opportuno. In ogni caso, con l’asportazione del calcolo si può pensare di fermare il decadimento funzionale, ma partendo da un risicato 16% é difficile prevedere una ripresa sostanziale, poichè il danno non è certamente recente. Imporrante sarà anche pensare a medio termine al calcolo di sinistra, in un rene funzionalmente molto prezioso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 518XXX

Buonasera Dottore il calcolo a stampo si estende per 5 cm.
Non ho mai sospettato di avere una calcolosi così importante. Il campanello d'allarme è stata una perdita ematica mista ad urine ad inizi settembre 2018 poi su prescrizione, prima del medico di famiglia e poi di vari urologi, ho fatto l'ecografia addominale, i raggi, la tac con mdc e la scintigrafia.
Due urologi si sono rifiutati di effettuare l'intervento in litrotrisia perché viste le condizioni del rene mi hanno detto che è rischioso. La proposta è asportare il rene dx ...ma vorrei provare a salvarlo almeno in parte, se fosse possibile.

il calcolo a sx è posizionato nel calice inferiore ed è 1,7 cm vorrei sperare in un intervento per vie naturali senza rischiare di compromettere il rene.
Vorrei precisare che fino ad ora non ho avuto problemi di pressione alta tranne 36 anni fa in gravidanza causata da gestosi.
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In effetti un calcolo di 5 cm è veramente molto grande, anche se probabilmente a composizione fosfatica e quindi non molto compatto. Comprendiamo comunque i dubbi dei nostri Colleghi, in particolare se hanno potuto valutare le immagini della TAC e giudicare sulle reali possibilità di ripresa di questo rene. Forse, con molte rìserve, un vantaggio potrebbe essere quello di estrarre il calcolo intero, senza doverlo ridurre in una quantità esagerata di frammenti da estrarre faticosamente. Questo potrebbe avvenire in laparoscopia (o meglio retro-peritoneoscopia), ma si tratta di un intervento poco comune, praticato solo in alcuni centri.
Per quanto riguarda l'altro lato, un calcolo di 17 mm è normalmente alla portata di una uretero-renoscopia operativa (RIRS), eseguita attraverso e vie urinarie naturali.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 518XXX

Grazie di nuovo Dottore sono sollevata dal fatto che potranno intervenire al rene sx per vie naturali.
Per quanto riguarda il rene dx quali sono i centri ai quali posso rivolgermi per l'intervento in laparoscopia (retro-peritoneoscopia)?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Noi non possiamo per correttezza fornire consigli su singoli specialisti o centri di cura con riferimento ad un caso specifico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 518XXX

Immagino.
Grazie infinite per la sua cortese e celere disponibilità!!!