Utente 530XXX
Salve, da qualche giorno avverto un bruciore più o meno permanente sulla punta del pene (all’interno della punta esattamente). Preciso che sono stato di recente un intero giorno ad un parco termale sempre bagnato in piscine col cloro e tanta gente e col costume bagnato addosso e che mi capita di avere rapporti non protetti. Il sintomo è al momento solo questo, cioè questo bruciore sulla punta. Non ho segno di nessun tipo sulla pelle del pene né perdite né dolori alla minzione. Cosa potrebbe essere? Mi consigliate analisi urine o altro tipo di verifica? Avere consigli pratici specifici? In caso del genere so che si prende Monuril (1 o 2 bustine nel caso?), ma vorrei evitare di prendere medicine senza diagnosi. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Assumere farmaci senza diagnosi precisa è profondamente errato, tantopiù se si tratta di antibiotici. Ma a questa diagnosi non possimo certamente arrivare noi a distanza, nell'impossibilità di una indispensabile valutazione diretta. Spesso questi fastidi al glande non corispondono ad alterazioni particolari in quel punto, ma partono da una irritazione della prostata e sono irradiati in avanti lungo l'uretra. Vi sono molti motivi in quanto ci riferisce che avrebbero potuto causare un simile problema. le raccomandiamo pertanto di far riferimento ad un nostro Collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 530XXX

Grazie dottore. Ho fatto esame urine e sono risultati abbondanti filamenti di muco ma leucociti del tutto assenti. Io continuo ad avere bruciore sulla punta del pene e difficoltà a iniziare di urinare ma nessun segno visibile sul pene né secrezioni bianche gialle etc dal pene nonostante spremitura. Come posso interpretare i risultati delle urine sopra? Grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La maggioranza delle situazioni di irritazione o congestione della prostata non producono alterazioni significative agli accertamenti. Per questo motivo la visita diretta è così essenziale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 530XXX

Dottore chiedo aiuto sono disperato. Sono 3 giorni che ho permanente stimolo forte di urinare e quando vado faccio piccoli getti faticosamente. Sta diventando insopportabile e ora con Pasqua non mi vedrà nessuno piena di martedì. Cosa posso fare per alleviare questo sintomo. Attendo qualche consiglio fiducioso. Sono allo stremo. Grazie

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se i disturbi sono così intensi, non vi è altra alternativa ragionevole che recarsi al Pronto Soccorso di un ospedale dove vi sia una guardia urologica attiva.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing