Utente 218XXX
Il mio PSA è passato dal 6,49(8,45) pre intervento HI.FU nel 2015 a 0,07 dopo 4 mesi . 0tt 2016 0,29 ,dic.2017 0,83 ,ott.2018 1,01 , Mar 2019 1,55 . Vari episodi di stenosi uretrali nel 2016 progressivamente finiti . Oggi non ho alcun sintomo se non una modesta incontnenza .
Referto PET del 10.5.u.s.
Radiofarmaco : 18F-FluoroMetilColina(FCH) attività somministrata : 182 MBh e.v.
L'indagine PET non documenta la presenza di significatici accumuli di radiofarmaco in ambito pelvico , in particolare in loggia prostatica , ove si apprezzano gli esiti di pregressa HIFU.
Si segnala la presenza di iperfissazioni di tracciante di pertinenza linfonodale in sede laterocervicale bilaterale,paratracheale superiore a destra , di loggia Barety , di finestra aorto-polmonare , ilare polmonare bilaterale , pre e sottocarinale : tali reparti sono in prima ipotesi di significato reattivo .
La distribuzione del tracciante in ambito osteomidollare è diffusamente disomogenea e sono presenti aree di maggior accumulo a carico della spalla di destra e di alcuni metameri del rachide dorso-lombare , da riferirire a fenomeni logistico-degenerativi . Non si evidensiamo ulteriori reperti di rilievo nei rimanenti distretti dorporei esaminati .
Conclusioni : Lo studio PET non indica la presenza di reperti con caratteristiche di malattia ad elevata attività metabolica della colina .

La domanda è : cosa sarebbe opportuno fare in presenza di un PSA che cresce e alla mia età ?
Grazie come sempre e distinti saluti

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Tenga presente che la sua prostata è ancora al suo posto, nonostante il trattamento con gli ultrasuoni focalizzati molto probabilmente è residuato del tessuto quasi certamente non tumorale (vedi negatività della PET) ma comunque in grado di produrre una minima quota di PSA. Alla sua età di 79 anni diremmo che non sussistano particolari preoccupazioni o vi siano da prendere degli ulteriori provvedimenti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 218XXX

Dottore grazie per la sua chiarezza e tempestività. Era la risposta che speravo.