Tumore testicolo?

Buongiorno,
chiedo un consulto per mio marito 30 anni.

L'8 di Gennaio il medico di base lo manda al PS per sospetta torsione testicolare manifestata con dolore intenso da due giorni al testicolo sinistro.


In ps ecografia con tale esito:

" a destra reperto nei limiti della norma a carico del didimi ed epididimo.

A sinistra didimo di dimensioni normali con diametro massimo di 43x23mm e riscontro di area ipoecogena a contorni sfumati, senza franche lesioni nodulari al iii superiore che presenta spiccata ipervascolarizzazione al color doppler.
l'area presenta dimensioni massime di circa 17x8mm.

I reperti sono compatibili con orchite focale di cui si consiglia tuttavia prudenziale controllo a distanza dopo adeguata terapia.
Nella norma l'epididimo e le borse scrotali.
Non idrocele.
Varicocele bilaterale di III-IV grado".


gli urologi dopo visita Lo dimettono con terapia amoxicillina per 10 gg 3 volte al giorno.
Il dolore si attenua e quasi scompare ma al controllo ecografico dopo la fine dell'antibiotico l'esito è di nuovo questo:

"Destra: non alterazioni ne lesioni focali del didimo e dell'epididimo.

Sinistra: al controllo odierno, sostanzialmente invariata l'area ipoecogena a morfologia allungata che interessa la porzione superficiale del didimo di sx (19x6mm) con minuta (2-3mm) area anaecogena, similcistica, nel contesto.
Il reperto orienta per esiti di orchite, tuttavia è necessaria rivalutazione a 2-3 mesi.
Varicocele di III grado a sx, meno evidente a dx"

Torniamo in urologia e ci spaventano molto: rifanno eco anche loro con tale referto:

"recente dolore testicolare sx con riscontro ecografico di area ipoecogena focale sospetta per focolaio orchitico.
Il paziente ha sssunto terapia con amoxicillina con beneficio sintomatologico.
All'ecografia persiste area ipoecogena a contorni sfumati e aspetto allungato compatibile con esiti flogistici"
Esame obiettivo: " Testicolo di volume normale, lievemente dolente alla palpazione senza aree di aumentata consistenza.
Si consiglia:
dosaggio dei markers neoplastici (alfa fetoproteina, Beta- HCG, ldh)
Tra circa 20 gg ripetere ecografia testicolare
rivalutazione urologica alla luce degli esami sopracitati"

Dicono che secondo loro è tutto compatibile con esiti di orchite e che l'area regredirà ma ci danno appuntamento per altra eco fra 20 gg e intanto prescrivono marker tumorali e ci dicono che se non passa sarà necessaria una biopsia.


Chiedo un vostro parere, c'è davvero il sospetto che si tratti di tumore?
Sarà preso in tempo?
Cos'è la biopsia testicolare?
Sono molto spaventata.


Grazie a chi mi risponderà.
[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettrice,

le indicazioni date dai colleghi urologi sono precauzionali e corrette, seguitele.

La biopsia testicolare prevede poi un prelievo dell’eventuale tessuto testicolare sospetto ed una analisi istologica per verificare la reale situazione clinica se il referto ecografico dovesse permanere nonostante le terapie fatte.

Detto questo si ricordi ancora che comunque sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento per poterle dare poi eventualmente un’indicazione più precisa.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore,
so che una valutazione a distanza è difficile ma secondo lei da questo quadro si può sospettare un orchite? l'area ipoecogena è compatibile con un orchite o dobbiamo prepararci in ogni caso al peggio?

Sono confusa e non capisco se sospettano un tumore perchè non agiscono subito?

Grazie
[#3]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettrice,

le probabilità che sia solo un problema infiammatorio non sono state ancora escluse e anche nella eventualità di un problema oncologico questo sembrerebbe circoscritto e limitato solo ad una parte del testicolo e quindi bene non avere inutili furie e seguire attentamente tutte le indicazioni già ricevute.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#4]
dopo
Utente
Utente
buongiorno Dott. Beretta, volevo aggiornare la situazione e chiederle un parere.

Mio marito è andato privatamente da un urologo in quanto il fastidio al testicolo e al funicolo (basso addome) erano cresciuti.

Dopo un accurata visita, con palpazione addominale e scrotale con ecografia estemporanea, l'urolgo ci ha scritto che palpatoriamente non c'è nulla di sospetto nessuna area indurita soprattutto anche quel punto che a schiacciare gli provoca dolore (dove c'è ecograficamente l'area ipoecogena ) alla palpazione non è assolutamente sospetto ma identico al resto del tessuto.

Ecograficamente ci ha detto che l'area ipoecogena è talmente sottile e triangolare che la si deve ricercare a fatica con l'ecografo ed è molto superficiale nel didimo sx , non vascolarizzata (al primo controllo in fase acuta dei sintomi era vascolarizzata) .

Lui ha scritto che ipotizza un esito cicatriziale riparativo e per eliminare la sintomatologia ha prescritto ciproxin 500 mg due volte al g per 10 gg e una dose al g di oki per 5 gg più riposo e astensione dal lavoro per 10 gg.

Cosa si intende per esito riparativo?

Mio marito ricordo che aveva assunto augmentin per 8 gg 3 volte al gg con parziale beneficio.

Ci ha detto che non ha assolutamente l'aspetto di un tumore l'area riscontrata, che in un mese un tumore al testicolo si sarebbe manifestato al tatto, ma che, viste le prescrizioni dei colleghi in ospedale, sarebbe un pessimo urologo se non ci dicesse di effettuare precauzionalmente i marker.

oggi li ha fatti e domani avrà gli esiti.

Siamo davvero scoraggiati e preoccupati di non vedere la fine di questo incubo fatto di fastidi dolori e preoccupazioni.

Come faremo se la sintomatologia non regredisce? Mio marito è preoccupato di dover sopportare tutto ciò ancora per mesi e anni, ma come si fa a non trovare una cura? E' normale che ci voglia così tanto tempo per un orchite?

Inoltre qualora si risolvesse potremo avere rapporti o i rapporti facilitano la ricomparsa di queste infiammazioni? che attenzioni dovremo avere? siamo davvero preoccupati.

Grazie
[#5]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Gentile lettrice,

non drammatizzi e adesso attendiamo gli esiti degli marker già indicati.

Se solo un problema post-infiammatorio bisogna avere paziente e sempre seguire attentamente tutti i consigli, dati in diretta, del vostro urologo di fiducia

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test